All review

31 Gennaio Gen 2015 1212 31 gennaio 2015

Il tempo passa, ma…

  • ...

Raif Badawi è un giovane blogger arabo detenuto dal 17 giugno 2012 nel carcere di Briman a Gedda colpevole di aver creato e amministrato il sito Saudi Arabian Liberals e aver insultato l'Islam. . Il primo settembre 2014, la Corte d'appello di Gedda ha confermato la condanna di Raif Badawi a 10 anni di prigione, 1000 frustate e una multa di 1.000.000 di rial sauditi (circa 196.000 euro) ed il l9 gennaio di quest’anno il condannato è stato frustato dopo la preghiera del venerdì di fronte alla moschea di al-Jafali a Gedda. La fustigazione è stata eseguita in parte in pubblico ma è stata poi sospesa ufficialmente per ragioni mediche. E’quanto si apprende leggendo il sito di Amnesty International.

Prima considerazione : non stiamo parlando dei temibili integralisti islamici del Califfato , ma “solo” ( sic!) dell’ Arabia Saudita ( Gedda è la seconda città più grande dell'Arabia Saudita dopo la capitale Riyād. La sua popolazione raggiunge i 3 milioni di abitanti )

Seconda considerazione : simili condanne sono state applicate anche in nome della religione cristiana . Qualche esempio ? Basta ricordare il Savonarola . Nel 1497 fu scomunicato da papa Alessandro VI, l'anno dopo fu impiccato e bruciato sul rogo come «eretico, scismatico e per aver predicato cose nuove» e le sue opere furono inserite nel 1559 nell'Indice dei libri proibiti.

Terza ed ultima considerazione : cinque secoli sono passati invano. Si continua ad usare violenza in nome di Dio.

P.S. … e fra altri cinque secoli ?