All review

5 Febbraio Feb 2015 0726 05 febbraio 2015

La schiscetta

  • ...

Partiamo dalle origini ed esattamente da coloro che nei tempi andati avevano l’impellente necessità di portarsi il pranzo da casa, perché la pausa pranzo poteva essere molto breve ed in momenti incerti. E’ il caso dei soldati impegnati sul campo e dei muratori intenti a lavorare in un cantiere edile. Il pranzo era contenuto e conservato in un particolare recipiente di alluminio denominato “ gavetta “ composto generalmente di due pezzi che si incastrano tra di loro, un contenitore che può fungere da ciotola o da pentolino e un coperchio che può servire da piatto.

Veniamo così ai tempi nostri dove i lavoratori hanno quasi tutti la pausa pranzo assicurata con libero accesso ad una sala mensa dove vengono serviti piatti caldi . In piccole realtà imprenditoriali invece si ricorre alla pausa pranzo da effettuare presso una vicina pizzeria, tavola calda o bar dove è possibile degustare appetitose vivande anche a prezzi contenuti che però con l’andare del tempo possono creare disturbi gastrici ed intestinali. Ecco perché sono tornati di moda i “lunch box” o “ bentobako “ come dicono in giappone oppure le schiscette alla milanese. Insomma , ci siamo capiti, l’ex gavette, riviste esteticamente e tecnologicamente che permettono a tutti di portarsi da casa gli alimenti più sfiziosi o salubri, a seconda delle circostanze . E perché no: anche abbassando sensibilmente le spese per l’acquisizione del reddito. Ed anche questo, in tempo di crisi, è un bel motivo.

Ed ecco che un’attenta giornalista , Jeanne Perego ed una antropologa, Lella Niccoli, hanno scritto un libro dal titolo “ Schiscetta sfiziosa “ edito da Vallardi editore nel quale vengono proposte e sollecitate nella realizzazione, a tempo di record , ricette appetitose ed a buon mercato da “ infilare “ nell’amico contenitore . Insomma , che bello, questo libro crea un nuovo ideale ponte tra la nostra pausa pranzo e la cucina del nostro nido domestico. E’ l’umanizzazione del pranzo, che forse stavamo per dimenticare!