All review

16 Febbraio Feb 2015 1645 16 febbraio 2015

Scienza e fantascienza : Europa e Isis

  • ...

Nelle sale cinematografiche italiane vengono ormai proiettati in continuazione film di fantascienza o film-fantasy dove vengono proposti attacchi di alieni o ricostruzioni fantastiche di ambienti dove sempre i buoni hanno la meglio sui cattivi . Aldilà di questo clichè storico ormai consolidato nel tempo in molti film, dove tra l’altro si vedono immagini che sembrano molto realistiche, gli agenti speciali USA sono dotati di mezzi efficientissimi quali droni supersofisticati che riescono a vedere e scoprire “ ipermalandrini “ nelle pieghe più nascoste del mondo, oppure supermissili dotati di una capacità sensoriale di ricerca dell’obbiettivo e ciliegina sulla torta “ satelliti spia “ che riescono praticamente a seguire passo per passo ogni singola azione sul campo.E allora ? Tutto quello che sta accadendo in Iracq, Giordania, Libia , ecc.. è visibile in diretta sui loro fantastici monitor ? E perché non intervengono con i loro sofisticatissimi mezzi dotati di così evoluta capacità di selezione, senza dovere ricorrere ai soliti invadenti e poco democratici bombardamenti a tappeto che uccidono migliaia di buoni per “fare la festa “ ad un cattivone ?

La stessa curiosità nasce sui misteriosi personaggi che gestiscono il traffico marittimo ormai giornaliero con più corse che si svolgono indisturbate tra le coste libiche e le acque territoriali italiane . I droni ed i satelliti spia sono misteriosamente ciechi sui cieli di quelle zone, mai abbiamo saputo di indagini internazionali miranti a stroncare questo immondo traffico di povera gente ai quali forse potremmo semplicemete mettere a loro disposizione una nave di linea partente due volte al giorno dal porto di Tripoli con biglietto prepagato. Di sicuro costerebbe all’Italia molto meno, avremmo la gratitudine di centinaia di migliaia di persone , la benedizione di Papa Francesco e…

si andrebbe nel c… agli scafisti !!

Scusate la brutta espressione, ma la situazione è così follemente drammatica da richiedere toni forti.