All review

24 Febbraio Feb 2015 0931 24 febbraio 2015

Il simbolismo politico

  • ...

L'arrivo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in aeroporto.

La politica italiana sembra avere scoperto l’importanza di certi atteggiamenti ed abitudini che possono avere una “ricaduta“ in termini di popolarità e fiducia positivi nei confronti di personalità istituzionali ed uomini politici in generale che ne fanno “sfoggio”. E’ il caso, per esempio, del Presidente della Repubblica Mattarella che, fresco di nomina, ha subito scelto un aereo di linea Alitalia per raggiungere la sua Sicilia, dopo avere sbrigato le solite formalità in aeroporto a cui siamo soggetti tutti noi. E’di oggi la notizia, riportata dall’Ansa, che il Presidente raggiungerà domani la Scuola superiore della Magistratura di Castelpulci, alle porte di Firenze, a bordo della tramvia che collega la stazione di Santa Maria Novella, dove il Capo dello Stato arriverà in treno da Roma, a Scandicci. Bene, sembra ovvio e chiaro che il nuovo Presidente vuole mandare un forte messaggio al popolo italiano : “ sono finite le rendite di posizione !”

In poche parole debbono terminare tutti quei privilegi che hanno permesso alla classe politica, ma non solo, di godere di benefits eccessivi ed estremamente dispendiosi per la nazione . Però il messaggio deve avere come interlocutore principale non tanto il popolo quanto la casta politica che ha usufruito per così tanti anni di tutti questi regali eccessivi . La comunicazione e la sottolineatura di certi comportamenti sobri di alti rappresentanti delle istituzioni, quando avvengono tramite mass media, sembrano invece assumere più che altro un tentativo di riacquistare una fiducia persa dal popolo nei confronti della politica in generale .

Ottima finalità che però assomiglia solo al tentativo di una maldestra colf di occultare lo sporco, raccolto sui pavimenti ,sotto i tappeti se a ciò non fa seguito una vigorosa iniziativa per promuovere rapidi provvedimenti miranti a togliere macchine con autista o senza autista a coloro che ne possono fare a meno, eliminare costosissime scorte armate a personaggi ormai non più da ritenere possibili obbiettivi sensibili, controllare le modalità di acquisto ed affitto di case dei parlamentari, limitare tutti i generosi abbonamenti a titolo gratuito di linee telefoniche, abbonamenti ferroviari , aerei , abbonamenti della stampa italiana e straniera , ecc . ai soli politici per i quali sono necessari per lo svolgimento del loro mandato , anche se il loro stipendio prevede anche una generosa quota per pagare queste spese.

Evitiamo di vedere bambini portati all’asilo con la macchina di stato, che nel viaggio di ritorno lascia la mamma dal coiffeur perché, se ciò accadesse, sciuperebbe la bella immagine in tv del Presidente che sale sulla tranvia fiorentina.