All review

10 Aprile Apr 2015 1420 10 aprile 2015

Il carcere preventivo: una vergogna !

  • ...

Il grande Alberto Sordi ricevette il premio come miglior attore al Festival di Berlino del 1972 per il film ‘Detenuto in attesa di giudizio’(1971) di Nanni Loy. La sensibilità e l’ingegno del regista portò, oltre 40 anni fa, sugli schermi italiani un soggetto di Rodolfo Sonego nel quale veniva puntualmente analizzata la situazione assurda e drammatica di un cittadino italiano che nel giro di poche ore perde la libertà e si trova confinato in un “ fetido “ carcere senza avere una spiegazione della situazione “ kafkiana “ nella quale si trova, suo malgrado, coinvolto. Il film ebbe un enorme successo anche e soprattutto perché andava a mettere a fuoco “una tremenda paura “ che aleggiava nella mente di tutti gli italiani che si sentivano ed ahimè si sentono ancora oggi “ cittadini in attesa di giudizio “.

Finalmente ora ( aprile 2015) il Senato ha approvato la proposta di legge che rivede i termini per la carcerazione preventiva con 177 voti a favore, 12 contrari e 30 astenuti. Non illudiamoci però , è un passo avanti sulla lunga strada che dovrebbe portare alla rimozione totale del carcere preventivo dal momento che non ci può essere carcere come “ acconto “ della eventuale pena ! Comunque finalmente qualcosa si è mosso e se non altro potrà diminuire un po’ l’eccessivo disumano ed imbarazzante sovraffollamento delle carceri italiane. E’ previsto un risarcimento ai detenuti con sconti di pena o soldi ai detenuti reclusi in 'condizioni inumane ed il divieto di custodia cautelare in carcere in caso di pena non superiore ai 3 anni.. Però rimangono ancora due cose da fare rapidamente per portare la situazione carceraria alla normalità senza compromettere la sicurezza generale del sistema Italia : costruire carceri e fare altri concorsi per avere nuovi magistrati di sorveglianza e molti altri agenti penitenziari.

I soldi dove si trovano ? Lo Stato ha pagato più di mezzo miliardo di risarcimento per l'ingiusta detenzione perché 23 mila persone sono state in carcere e giudicate innocenti , senza considerare i soldi che andranno ai detenuti per i risarcimenti chiesti per le detenzioni in carceri sovraffollati. Ed infine : quando avremmo la certezza e la rapidità del giudizio penale ? Ma questo è un altro discorso.