All review

27 Maggio Mag 2015 0954 27 maggio 2015

Buon giorno Lea

  • ...

Ho letto su facebook un bellissimo scritto di Italo Moscati che parla del suo ultimo casuale incontro con Lea e la successiva assenza dalla scena pubblica di questa grande attrice del cinema italiano. Questo è stato l’innesco che ha stimolato in me la voglia di ricordare la bellezza e la preziosa professionalità di un’attrice che necessita di essere ripresentata ai giovani d’oggi dato che la sua attività nel mondo dello spettacolo termina praticamente nel 1991 con il suo ultimo film “Viaggio d’amore “ regia di Ottavio Fabbri.

Lea Massari è un nome d’arte, all’anagrafe risulta Anna Maria Massatani nata a Roma il 30 giugno 1933, scelto a ventuno anni quando interpretò il suo primo film “ Proibito” regia di Mario Monicelli nel 1954. Da qui partì una carriera cinematografica ricca e continua che merita riportare integralmente perché da la misura di un successo molto consistente :

I sogni nel cassetto, regia di Renato Castellani (1957), doppiata da Adriana Asti ;Resurrezione (Auferstehung), regia di Rolf Hansen (1958) ;L'avventura, regia di Michelangelo Antonioni (1960) ;La giornata balorda, regia di Mauro Bolognini (1960) ;I sogni muoiono all'alba, regia di Mario Craveri e Enrico Gras (1961) ;Morte di un bandito, regia di Giuseppe Amato (1961) ;Il colosso di Rodi, regia di Sergio Leone (1961), doppiata da Lydia Simoneschi ;Una vita difficile, regia di Dino Risi (1961) ;Le quattro giornate di Napoli, regia di Nanni Loy (1962), doppiata da Clara Bindi ;La città prigioniera, regia di Mario Chiari (1962) ;La morte sale in ascensore (Le monte-charge), regia di Marcel Bluwal (1962) ;I cavalieri della vendetta (Llanto por un bandido), regia di Carlos Saura (1963); La coda del diavolo, regia di Moraldo Rossi (1964) ;L'insoumis, regia di Alain Cavalier (1964) ;Le soldatesse, regia di Valerio Zurlini (1965) ;Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965 );Il giardino delle delizie, regia di Silvano Agosti (1967) ;Volver a vivir, regia di Mario Camus (1968) ;Lo voglio morto, regia di Paolo Bianchini (1968) ;Senza via d'uscita, regia di Piero Sciumè (1970) ;L'amante (Les choses de la vie), regia di Claude Sautet (1970) ;Un soffio di piacere (Céleste), regia di Michel Gast (1970) ;Paolo e Francesca, regia di Gianni Vernuccio (1971) ;Il soffio al cuore (Le souffle au coeur), regia di Louis Malle (1971) ;La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972); La corsa della lepre attraverso i campi (La course du lièvre à travers les champs), regia di René Clément (1972) ; Questo impossibile oggetto, regia di John Frankenheimer (1972) ;La femme en bleu, regia di Michel Deville (1973) ;L'uomo che non seppe tacere (Le silencieux), regia di Claude Pinoteau (1973) ;Un battito d'ali dopo la strage (Le fils), regia di Pierre Granier-Deferre (1973) ;Questo impossibile oggetto (Story of a Love Story), regia di John Frankenheimer (1973) ;Cadavere di troppo (... la main à couper), regia di Etienne Perier (1974) ;Allonsanfàn, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1974) ;La linea del fiume, regia di Aldo Scavarda (1975) ;Il poliziotto della brigata criminale (Peur sur la ville), regia di Henri Verneuil (1975) ;El perro, regia di Antonio Isasi-Isasmendi (1976) ;Chi dice donna dice donna, regia di Tonino Cervi (1976) ;Caccia al montone (L'ordinateur des pompes funèbres), regia di Gèrard Pirès (1976) ;Antonio Gramsci - I giorni del carcere, regia Lino Del Fra (1977) ;Vivere giovane (Violette & François), regia di Jaques Rouffio (1977) ;Repérages, regia di Michel Soutter (1977) ;Sale réveur, regia di Jean-Marie Périer (1978) ;Les Rendez-vous d'Anna, regia di Chantal Akerman (1978) ;Cristo si è fermato a Eboli, regia di Francesco Rosi (1979) ;Foto ricordo (Le divorcement), regia di Pierre Barouh (1979) ;La flambeuse, regia di Roger Weinberg (1981) ;Sarah, regia di Maurice Dugowson (1983) ;La 7ème cible, regia di Claude Pinoteau (1984) ;Segreti segreti, regia di Giuseppe Bertolucci (1985) ;Una donna spezzata, regia di Marco Leto (1988) ;Viaggio d'amore, regia di Ottavio Fabbri (1991) .

Con il film' L'avventura'( 1960) per la regia di Michelangelo Antonioni, ottenne la notorietà internazionale tanto che negli anni '70 l'attrice fu presente in molte produzioni italiane e francesi in ruoli per lo più incentrati sul mondo della borghesia. Nel 1962 ricevette il David di Donatello per la sua interpretazione nel film' Una vita difficile' di Dino Risi, nel 1971 interpretò lo scabroso tema dell'incesto nel film 'Soffio al cuore' di Louis Malle e nel 1973 ricevette una Étoile de Cristal come migliore attrice straniera. Nel 1975 fece parte della giuria al Festival di Cannes. Quattro anni più tardi ricevette il Nastro d'Argento per il suo ruolo nel film di Francesco Rosi “Cristo si è fermato a Eboli”.

Nel corso della sua carriera ha lavorato anche in teatro (Il cerchio di gesso del Caucaso di Bertolt Brecht (1974), Due sull'altalena di William Gibson, (1975) e per la televisione (I fratelli Karamazov, 1969; Anna Karenina, 1974; Quaderno proibito, 1980, da Alba de Céspedes). Va ricordata anche una celebre edizione nel 1962 della commedia musicale Rugantino, di Garinei e Giovannini, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Luigi Magni, musiche di Armando Trovajoli, scene di Giulio Coltellacci, con Nino Manfredi, Lea Massari, Aldo Fabrizi, Bice Valori, Marisa Belli, Toni Ucci, Fausto Tozzi, Carlo Delle Piane, Lando Fiorini, Luciano Bonanni, in scena al Teatro Sistina di Roma.

Sul finire degli anni ’80 la sua carriera artistica ha subito un brusco rallentamento , attratta si dice dalla grande amore per gli animali che l’hanno vista impegnarsi in prima persona in molte campagne ecologiste ed animaliste . Oltre alla grande passione per la chitarra e la musica brasiliana.