All review

2 Luglio Lug 2015 0913 02 luglio 2015

Recensione del film 'Mia madre'

  • ...

Mia madre

Scritto da: Nanni Moretti, Valia Santella, Gaia Manzini, Chiara Valerio. Regia di Nanni Moretti .Con Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini, Nanni Moretti, Beatrice Mancini, Stefano Abbati, Enrico Ianniello, Anna Bellato, Tony Laudadio, Lorenzo Gioielli, Pietro Ragusa, Tatiana Lepore, Monica Samassa, Vanessa Scalera, Davide Iacopini, Rossana Mortara, Antonio Zavatteri, Camilla Semino, Domenico Diele, Renato Scarpa - Drammatico, durata 106 min. - Produzione Italia, Francia, Germania 2015. - Nelle sale italiane dal 16 aprile 2015.

Che bello ( per chi scrive ) fare una recensione di un film ormai uscito nelle sale da diverse settimane e sul quale hanno già detto 'tutto' ed il 'contrario di tutto'. Che bello ( per chi legge ) trovare, si spera, una nuova chiave di lettura di un'opera di un grande regista, forse più accettato ed apprezzato in Francia che non in Italia.Il film di Nanni Moretti 'Mia madre ' racconta il difficile periodo di Margherita, una regista di successo che sta lavorando a un film con protagonista un famoso attore americano. La donna si è da poco separata dal compagno, Vittorio, ed è anche alle prese con i problemi adolescenziali della figlia Livia. Inoltre insieme a suo fratello Giovanni deve accudire la madre Ada, gravemente malata e prossima alla morte.

Intanto diciamo subito che Nanni Moretti affida al ruolo di sua sorella Margherita ( Margherita Buy) la funzione di specchio della propria anima per mettere comodamente a nudo tutte le contraddizioni del mondo irreale, quello del cinema,e del mondo reale ,quello dei propri affetti più profondi che sono alla base della sua visione politica e sociale del mondoUn'operazione di profonda introspezione personale che trasforma il film nel grande divano di uno studio di psicanalisi dove però Moretti non si sdraia personalmente perchè ancora troppo interessato anche al ruolo di psicologo. Questo è il reale limite di un grande film nato per gettare 'l'anima oltre la siepe'. L'operazione ha raggiunto questa volta un alto livello di completezza rispetto ad altri suoi films ( Caimano ed Habemus Papam) realizzati con lo stesso obiettivo ma anche qui non è riuscito a rinunciare del tutto alla troppa voglia di avere sempre 'tutto sotto controllo '.

Magistrali ( da Oscar ) le interpretazioni di Margherita Buy che ha messo ' in gonnella ' Nanni Moretti e John Turturro il quale ha dato vita all'unico personaggio del film capace di stemperare un'atmosfera generale troppo da tragedia greca. Il personaggio più vero ? Ada (Giulia Lazzarini) l'oggetto di tanto amore ,la madre dei due fratelli (Margherita e Giovanni),la sorgente dell'essere uomo a cui tornare sempre ( anche solo con il pensiero) per ritrovare la storia delle nostre ragioni.

Premi ottenuti : Premio della Giuria Ecumenica al Festival di Cannes 2015 ; David di Donatello 2015 a Margherita Buy (migliore attrice protagonista) e Giulia Lazzarini ( migliore attrice non protagonista) ; Nastro d'argento 2015 aMargherita Buy e Giulia Lazzarini.