All review

24 Luglio Lug 2015 0848 24 luglio 2015

Una lettura per farsi venire la 'voglia di un viaggio'

  • ...

Una vacanza che abbia possibilmente diversi obbiettivi: cercare un luogo bello anche naturalmente parlando, con alle spalle una lunga storia con un pizzico di mistero del mondo delle favole e che offra la possibilità di ospitare il 'visitatore' in strutture che sembrano essere lì da sempre, come poltrone da psicanalisi in verticale. I fari d'Irlanda.

I CELTI

I Celti sono vari popoli indoeuropei uniti dalle origini etniche e culturali, dalla condivisione di uno stesso fondo linguistico indoeuropeo che, nel periodo di massimo splendore (IV-III secolo a.C.), erano estesi in un'ampia area dell'Europa, dalle Isole britanniche fino al bacino del Danubio, rimanendo sempre politicamte separati. Tra i vari gruppi di popolazioni celtiche si distinguono i Britanni, i Galli, i Pannoni, i Celtiberi e i Galati .I Celti furono soggetti a partire dal II secolo a.C. a una crescente pressione politica, militare e culturale da parte di altri due gruppi indoeuropei: i Germani, da nord, e i Romani, da sud tanto che furono progressivamente sottomessi e assimilati e la loro lingua marginalizzata alle sole Isole britanniche.

IRLANDA TERRA DEI FOLLETTI

Il leprechaun è una sorta di gnomo o folletto tipico del folklore e della mitologia irlandese.I leprechaun sono considerati parte del 'popolo delle fate' e la tradizione vuole che abitassero l'isola prima dell'arrivo dei Celti e per questo sono spesso associati a posti dove sono presenti i cosiddetti 'anelli magici', luoghi spesso caratterizzati dai ruderi di costruzioni di epoca pre-celtica.Nell'iconografia classica vengono rappresentati come uomini anziani, dediti alle burle e agli scherzi.Sono spesso dipinti come creature innocue e schive, che vivono in solitudine in località sperdute, costruendo scarpe per il popolo delle fate e per sé stessi.Tra le credenze più diffuse c'è quella secondo cui, come gli gnomi, siano estremamente ricchi e che siano soliti occultare tesori in località nascoste, rivelate solo a coloro che riescono a catturare e interrogare il leprechaun con domande specifiche.

I FARI

Un faro è una torre, dotata alla sommità di un sistema (lampada + un sistema di lenti) capace di emettere potenti segnali luminosi di aiuto e di riferimento nella navigazione. Sono situati in prossimità di luoghi pericolosi e sono chiaramente segnati sulle carte nautiche che ne riportano le caratteristiche del segnale luminoso emesso . Il nome 'faro' deriva dall'isola di Pharos, di fronte ad Alessandria d'Egitto, dove nel III secolo a.C. era stata costruita una torre sulla quale ardeva costantemente un gran fuoco, in modo che i naviganti su quei fondali potessero districarsi dalla retrostante palude Mareotide. In Irlanda ovviamente , terra di grande marinareria vi sono ancora diversi fari in attività , in posti meravigliosi e lontani da ' tutto e da tutti ' tali che i fortunati che riescono ad alloggiarci per qualche giorno , hanno la reale possibilità di sentire l'odore e il rumore del mare e toccare il cielo con un dito. Ma soprattutto avranno la possibilità di ritrovarsi con il proprio 'io'! Sulla costa settentrionale sono 5 i fari trasformati in strutture ricettive: due nella contea di Antrim, due nella contea di Donegal ed uno nella contea di Down ;inoltre, centri visitatori e servizi sono disponibili presso il faro di Fanad Head, nella contea di Donegal, e presso il Rathlin West Light, magnifico faro (capovolto!) costruito nella scogliera, nonché centro dell’avifauna marina di Rathlin Island.Operativamente come fare per organizzare una simile rimpatriata salutare per il nostro fisico , psiche compresa ? Sul PC cercate “The Great Lighthouses of Ireland” e vi farete un'idea precisa di quello che potrete trovare .