All review

17 Agosto Ago 2015 0631 17 agosto 2015

Il compleanno di Fidel Castro

  • ...

Una frase di Fidel Castro è diventata virale su internet.

Il XXI° secolo sta godendo del privilegio di vedere in vita ancora, anche per merito dei progressi della medicina, alcuni dei grandi interpreti della scena politica internazionale del secolo precedente . Uno di questi è Fidel Castro che proprio il 13 agosto ha compiuto 89 anni essendo nato a Birán il 13 agosto 1926. È stato primo ministro di Cuba dal 16 febbraio 1959 all'abolizione della carica, avvenuta il 2 dicembre 1976, ed è stato, dal 3 dicembre 1976 al 18 febbraio 2008, Presidente del Consiglio di Stato e Presidente del Consiglio dei ministri, nonché Primo Segretario del Partito Comunista Cubano, il partito unico del paese.Ma più che un uomo politico è stato un rivoluzionario che insieme al fratello Raúl, a Che Guevara e Camilo Cienfuegos è stato uno dei protagonisti della rivoluzione cubana contro il regime del dittatore Fulgencio Batista . Dopo il fallito sbarco nella Baia dei Porci da parte di esuli cubani appoggiati dagli Stati Uniti d'America, proclamò l'istituzione della Repubblica di Cuba, uno stato monopartitico di stampo socialista, che secondo Castro e i suoi sostenitori è una democrazia popolare apartitica, ma che i dissidenti e buona parte degli analisti politici internazionali definiscono come regime totalitario. Nel 2011, Fidel Castro si dimise anche dalla carica di primo segretario del Partito Comunista Cubano, consegnando i suoi poteri nelle mani del fratello Raùl Castro, il quale sta lentamente avviando alcune riforme in senso liberale a favore del popolo e della disastrata economia locale, compromessa anche dal lungo embargo voluto dagli USA a cui è stata costretta l'isola.

Tutte vicende note ed arcinote che contengono però, come uno scrigno prezioso, il tentativo pratico ed operativo di dare il via ad un modello di vita seconda l'utopia comunista nata agli inizi del xx° secolo senza capitalismo e consumismo , senza lotta di mercato e supremazia del lavoro rispetto a tutto gli altri aspetti della vita quotidiana dell'uomo. La storia ci ha consegnato il nuovo secolo con un mercato globale sempre più aggressivo che sta in pratica forzando a tale punto l'utilizzo delle risorse energetiche del pianeta da destare serie e motivate preoccupazioni per la tenuta ambientale del sistema terra.Gli Stati Uniti hanno intrapreso una via di risoluzione diplomatica dell'eterno conflitto con il vicino scomodo politicamente e psicologicamente, il piccolo David che avrebbe dovuto indicare al potente e ricco Golia, il percorso da seguire per non incorrere in quei micidiali problemi ecologici ed ambientali che ora stanno mettendo a dura prova con rapide e violente variazioni climatiche l'equilibrio dell'intero pianeta. Proprio in questi giorni il presidente Obama ha annunciato gravosi provvedimenti restrittivi per la grande industria energetica statunitense responsabile di immettere enormi quantità di gas serra in atmosfera . Ed allora ? Chi è il vincitore David o Golia ? Chi lascerà davvero una traccia positiva nei prossimi secoli di un tentativo saggio di riportare l'umanità in un equilibrio stabile e sostenibile ? E' apparso sulla stampa cubana in queste ore un articolo di Fidel Castro intitolato 'La realtà e i sogni'' guarda caso nel giorno in cui compie 89 anni, e a poche ore dall'arrivo nell'isola del segretario di Stato Usa John Kerry che dovrebbe portare avanti in maniera operativa e definitiva il processo di normalizzazione dei due stati. L'articolo tra l'altro sostiene l'ipotesi che gli Stati Uniti sono debitori nei confronti di Cuba di 'indennizzi' pari a 'molti milioni di dollari' a causa dei 'danni' provocati dalle politiche di Washington verso Cuba.E' chiaro che il messaggio contiene anche un estremo tentativo di richiesta di aiuto economico per un paese ridotto in miseria ma forse il vero desiderio del Lider Maximo è quello di vedergli riconosciuta la saggezza di un tentativo di restituire un sorriso alla faccia dell'uomo.