All review

12 Settembre Set 2015 0735 12 settembre 2015

100 anni fa nasceva la corrente pittorica '' Suprematismo ''

  • ...

Kazimir Severinovič Malevič (Kiev, 23 febbraio 1878 – Leningrado, 15 maggio 1935) è stato un pittore russo del XX secolo, pioniere dell'astrattismo geometrico e delle avanguardie russe. Nel 1913 fondò l'avanguardia artistica chiamata Suprematismo. Malevič lo spiega chiaramente: 'Per suprematismo intendo la supremazia della sensibilità pura nell'arte. Dal punto di vista dei suprematisti le apparenze esteriori della natura non offrono alcun interesse; solo la sensibilità è essenziale. L'oggetto in sé non significa nulla. L'arte perviene col suprematismo all'espressione pura senza rappresentazione'. Per questo , secondo la critica internazionale ,Malevic è colui che ha dato vita all'egemonia della tradizione dell'arte astratta, come Picasso ha contribuito maggiormente al rinnovamento della tradizione figurativa e Duchamp di quella concettuale . Quindi sono questi i pionieri delle avanguardie del XX secolo.

La città di Bergamo, presso la Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, dal 2 ottobre 2015 al 17 gennaio 2016, ospiterà una grande mostra di Malevic e dei maggiori rappresentanti della pittura russa dei primi del '900 così che, con oltre 70 opere, sarà visualizzato il percorso creativo del maestro dall'esordio simbolista e neoimpressionista alla creazione del Suprematismo fino alle forzate concessioni al Realismo socialista.Curata da Eugenia Petrova e Giacinto Di Pietrantonio, 'Malevic' è stata coprodotta dalla Gamec e da Giunti Arte mostre musei, in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo.

Si parte dagli inizi simbolisti e neoimpressionisti, passando per il Cubofuturismo ,un percorso iniziale condiviso con diversi artisti russi della sua generazione, primo fra tutti Kandinskij, con cui partecipa alle prime collettive d'avanguardia, testimoniato da opere raffiguranti paesaggi con filari di alberi (1906) o il famoso autoritratto con fiocco rosso del 1907, affiancati a lavori dell'arte russa precedente o coeva. Segue una sezione dedicata al periodo in cui (precisamente nel 1913) Malevic redigeva, insieme ad altri, il Manifesto del Primo Congresso Futurista. Fra le opere esposte figurano le celebri 'Mucca e violino' (1913), 'Ritratto perfetto di Ivan Kljun' (1913), 'Composizione con La Gioconda' (1914). Sempre in questo ambito, ecco, in una grande sala, la riedizione de 'La Vittoria sul Sole', opera totale di musica, arte, poesia e teatro, creata da Malevic con Michail Matjusin e AleksejKrucenych, nella quale sono visibili i germi del Suprematismo, con un primo accenno al 'Quadrato nero'. Si arriva poi al 1915, quando, in occasione dell'Ultima Mostra Futurista, Malevic lancia il Suprematismo. In questa sezione sono riuniti capolavori come 'Quadrato Rosso' (1915), 'Suprematismo' (1915-1916), nonché la sua opera più riconosciuta, il 'Quadrato nero', insieme a 'Cerchio nero e Croce nera' (1923). Infine sono esposte alcune opere nelle quali è possibile ravvisare la progressiva stalinizzazione della Russia che sottopose a censura artisti e intellettuali .