All review

15 Settembre Set 2015 0847 15 settembre 2015

Quando il caro estinto è l’amico a quattro zampe

  • ...

Nelle case italiane ci sono 6,95 milioni di cani e 7,48 milioni di gatti oltre a 13 milioni di uccelli, 30 milioni di pesci e 3 milioni tra rettili (tartarughe, serpenti, iguane) e piccoli roditori. Un mondo di affetti che, quando ‘l’amico ‘ muore, crea dolore, costernazione e disagio dovendo pensare alla rimozione del ‘caro estinto' dalla propria abitazione.

Così ciascuna famiglia deve inventarsi ‘un modo’ che molto spesso, in particolare in presenza di bambini, ma non solo, dia la giusta dimensione dell’amore verso il proprio compagno di una significativa parte della vita. Si cerca così di evitare frettolose pratiche come quella del pesce rosso che viene buttato nel water o del ‘micio’ gettato nel cassonetto dell’immondizia, per arrivare magari ad una più dignitosa inumazione nel giardinetto di casa o semplicemente in un bosco. Chi ha provato per esempio un grande amore per il proprio compagno a quattro zampe si chiede così se non dovrebbero esistere un servizio per tale necessità.

A quanto pare, più di 50 crematori e cimiteri in Gran Bretagna offrono già funerali per animali, completoidi lapidi, bare su misura e benedizioni religiose, e alcuni dei più grandi operatori di pompe funebri della Gran Bretagna già svolgono in un anno fino a 10.000 servizi.Questa tendenza ha origine in America, dove i funerali per animali domestici sono un settore in espansione tanto che, secondo i giornali, negli Stati Uniti sono stati effettuati nel 2013 funerali per circa 500.000 animali domestici.

l problema ha anche dei risvolti finanziari: secondo dati Eurispes, per nutrire gli animali domestici in Italia nel 2013 sono stati spesi 1,77 miliardi di euro, l'1,7 per cento in più rispetto all'anno precedente. La spesa media si aggira sui 30 euro mensili, mentre le visite veterinarie e i farmaci costano non più di 100 euro all'anno. A questo si dovrebbe così aggiungere la spesa per un servizio funebre ad hoc, ma siamo sicuri che potrebbe servire veramente ad alleviare il nostro dolore ?

Correlati