All review

2 Ottobre Ott 2015 1807 02 ottobre 2015

Il drammatico annuncio del segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon

  • ...

Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon.

L'ONU ( Organizzazione delle Nazioni Unite ) è nata il 24 ottobre 1945 con l'entrata in vigore dello Statuto delle Nazioni Unite e vi aderiscono 193 stati del mondo su un totale di 205. Questa nuova organizzazione mondiale nacque alla fine della seconda guerra mondiale sulle ceneri della vecchia Società delle Nazioni operante fino dal 1920 che evidentemente aveva fallito il proprio mandato. Dispone di un Consiglio di Sicurezza nel quale risiedono permanentemente i cinque principali Stati usciti vincitori dalla Seconda guerra mondiale oltre alla possibilità di intervento di un contingente militare, i caschi blu. Gli articoli 1 e 2 dello Statuto delle Nazioni Unite riassumono gli scopi e i principi che l'organizzazione internazionale si è prefissata:

mantenere la pace e la sicurezza internazionale; promuovere la soluzione delle controversie internazionali e risolvere pacificamente le situazioni che potrebbero portare a una rottura della pace; sviluppare le relazioni amichevoli tra le nazioni sulla base del rispetto del principio di uguaglianza tra gli Stati e l'autodeterminazione dei popoli; promuovere la cooperazione economica e sociale; promuovere il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali a vantaggio di tutti gli individui; promuovere il disarmo e la disciplina degli armamenti; promuovere il rispetto per il diritto internazionale e incoraggiarne lo sviluppo progressivo e la sua codificazione.

L'ONU nel corso della sua storia ha dovuto affrontare situazioni di grandi tensioni internazionali ma l'inizio del nuovo millennio e precisamente dall'abbattimento delle torri gemelle a New York l'11 settembre del 2001, per arrivare alla formazione dell'ISIS che sta ridisegnando l'assetto geopolitico del mondo arabo seminando oltretutto nel mondo intero sdegno e grande preoccupazione per la barbara violenza dilagante, ha richiamato più volte il Consiglio di Sicurezza a promuovere interventi di contenimento. Questo per ora non è successo prima di tutto perchè alcuni stati come Russia e USA hanno il famigerato diritto di veto. Proprio in queste ultime ore, finalmente, i sigg.ri Putin ed Obama si sono degnati di parlare al mondo tramite l'ONU e contemporaneamente è stata fatta chiarezza da parte del segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon sulle responsabilità che di fatto stanno bloccando tutte le possibili soluzioni. Queste le sue parole :

'Quattro anni di paralisi diplomatica del Consiglio di Sicurezza hanno fatto si' che la crisi siriana sia diventata fuori controllo. Cinque Paesi in particolare hanno la chiave: Russia, Usa, Arabia Saudita, Iran e Turchia .La responsabilità e' innanzitutto in capo alle parti del conflitto in Siria, ma guardare solo all'interno del Paese mediorientale per trovare una soluzione non e' sufficiente, la battaglia è guidata anche da poteri e rivalità regionali. L'inviato speciale dell'Onu Staffan de Mistura sta facendo tutto quanto in suo potere per creare le basi di una soluzione pacifica, ma e' arrivato il momento per altri, in primis per il Consiglio di Sicurezza e per gli attori regionali piu' importanti, di fare un passo avanti. Nel 21° secolo non possiamo costruire muri e steccati.Siriani innocenti pagano il prezzo di altre bombe e atti terroristici . Il nostro impegno per la giustizia ci deve portare a deferire la situazione davanti alla Cpi'.