All review

7 Ottobre Ott 2015 0659 07 ottobre 2015

Canone Rai :l'onestà vale ancora qualcosa?

  • ...

E' di questi giorni la ventilata ipotesi comunicata dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, sulla possibilità di fare pagare il canone Tv tramite la bolletta dell'ENEL per eliminare la dilagante evasione di questa tassa. Una tassa vista da molti italiani come un ingiusto balzello dal momento che molte altre emittenti private, pur dando un analogo servizio ( pubblicità compresa), non fanno pagare nessun canone.

In Italia il canone televisivo o canone RAI è un'imposta sulla detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di radioaudizioni televisive nel territorio italiano in base al regio decreto legge 21 febbraio 1938, n. 246 relativo alla Disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 78 del 5 aprile 1938). Questo provvedimento non è stato abrogato dal cosiddetto decreto Taglia-Leggi (con cui nel marzo 2010 il Ministro della Semplificazione Normativa Roberto Calderoli ha provveduto ad abrogare circa 375.000 leggi) poiché è stato incluso fra le norme non suscettibili di abrogazione nella detta forma. L'arte di arrangiarsi degli italiani ha prodotto una progressiva perdita di entrate per lo stato che nel tempo, dal 1954 ad oggi, ha quasi annualmente aumentato questa tassa facendo in parte pagare il totale evaso ai soliti 'bravi' ed onesti cittadini.Secondo varie fonti la percentuale di famiglie che non pagano il canone rai oscilla tra il 25 e il 47 per cento ( a seconda delle fonti) con un mancato incasso conseguente di circa 500 milioni di euro all’anno. Secondo l’Associazione contribuenti italiani, la quota di famiglie non in regola è più che raddoppiata tra 2005 e 2013 e le zone in cui il problema è più diffuso sono nel Mezzogiorno del Paese.

Ora il Presidente del Consiglio dichiara di volere ridurre il canone rai a 100 euro l'anno ( contro i 113,50 euro) volendo dimostrare così che se tutti pagano la tassa anche i contribuenti più onesti pagheranno meno. Ma quanto meno ? Una miseria , senza considerare che si comincia già a sentire parlare di canone rapportato all'Isee o al tipo di abitazione, eventualmente esentando le fasce più basse. Ma intanto chi ripagherà gli onesti utenti che hanno pagato diligentemente il canone per decenni ?

In poche parole non sarebbe meglio fare pagare un canone massimo a chi inizia dal 2016 a pagarlo, rispetto a coloro che hanno iniziato 50 anni fa ? Riconosciamo finalmente che l'onestà paga !