All review

24 Ottobre Ott 2015 1845 24 ottobre 2015

Recensione del film '' Io che amo solo te ''

  • ...

Un'ambientazione scenografica meravigliosa a Polignano a Mare in Puglia, il magico paesino arroccato sul mare dove il maestrale fa di tutto per ricordare che il famoso concittadino Domenico Modugno, quando ha pensato a ' volare ', aveva impresse nella mente le folate di quel vento così espressivo e capriccioso. Ninella ( Maria Pia Calzone ) è la madre,vedova, della futura sposa ( Laura Chiatti) ma con un grande amore, don Mimì (Michele Placido), con cui non si è potuta sposare in gioventù. Ma il destino benevolo fa si che sua figlia si fidanzi proprio con il figlio ( Riccardo Scamarcio) dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Ovviamente a Polignano a Mare , dove tutto il paese sembra essere coinvolto in questa giornata eccezionale sia per i due giovani che per i loro genitori che avranno modo di rinverdire i loro rispettivi sentimenti mai sopiti.

La sagra dell'amore in tutte le salse, con storie parallele che si intrecciano per dare visibilità, troppo cercata , a temi attuali di grande spessore come l'amore gay, il problemi dei carcerati con la loro disperata necessità di continuare ad essere presenti nel loro contesto familiare, le tanta perplessità che sono nella mente dei giovani d'oggi quando sono chiamati alla scelta del matrimonio ed anche un richiamo alle profonde diifferenze di comportamento e temperamento di una parente( Luciana Littizzetto) di Pinerolo con il resto della famiglia pugliese. Belle inquadrature di Roberto Forza trasportano la lucentezza paesaggistica eccezionale del luogo sullo schermo dove brillano alcune interpretazioni degne di nota che vanno ben oltre la recitazione molto spesso solo di ruolo.

Fra queste ho notato la grande espressività esteriore ed interiore che si dipana nell'interpretazione del ruolo di Ninella che nello svolgimento delle trame del film acquisisce o conquista un ruolo sempre più predominante tanto che lo spettatore alla fine vede in Maria Pia Calzone la principale interprete del film , rubando quasi la scena al grandissimo Michele Placido , il don Mimì che alla fine rende la coppia dei genitori, i protagonisti della storia portante di tutto il film. Con suggestive ed eclatanti sollecitazioni che daranno ampio significato alla frase ' io che amo solo te '. Ed i due giovani sposi ? Tanti auguri da estendere ai loro talentuosi interpreti che oggi sono ' belli e bravi ' e fra qualche anno diventeranno ' bravi e belli '!