All review

7 Novembre Nov 2015 0812 07 novembre 2015

Recensione del film '' Alaska''

  • ...

Regia di Claudio Cupellini. Con Elio Germano, Astrid Berges-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Radonicich, Antoine Oppenheim. Paolo Pierobon, Pino Colizzi, Marco D'Amore, Roschdy Zem .Drammatico, durata 125 min. Italia, Francia 2015, 01 Distribution ,uscita giovedì 5 novembre 2015.

Una stupenda storia d'amore, ma non senza tempo. Ambientata molto bene ai tempi nostri dove sempre più spesso si pensa di identificare la felicità nella ricerca del modo di fare soldi e di conquistare con rapacità ed ossessione alti tenori di vita. Ma, raggiunto un primo scalino, con ambizione e rabbia, si cerca di raggiungere il secondo, poi il terzo e così via, molto spesso sacrificando veri affetti che sono invece la reale fonte per una soddisfacente realizzazione personale. Quando Fausto ( Elio Germano), cameriere italiano che sogna di diventare maître, conosce per caso la giovanissima aspirante modella francese Nadine ( Astrid Berges-Frisbey)sul tetto di un albergo a Parigi, si scambiano immediatamente la loro reciproca povertà e solitudine affettiva che crea rapidamente il cemento per costruire una falsa idea di felicità che sembra irraggiungibile.

Parte così una lunga storia d'amore piena di personaggi, storie parallele ed ostacoli vari che il destino sembra continuamente porre sul percorso dei due giovani per allontanarli, rendendo 'Alaska ' simile ad un film d'azione tanto è pieno di grandi eventi e sbandamenti, di inseguimenti e decisioni repentine come se, per la prima volta, il cinema drammatico volesse usare il ritmo rapido del cinema d'avventura. Senza però perdere la giusta intensità emotiva ed affettiva in tutti i ruoli dei personaggi e questo è un il grande merito del regista Cupellini che ricorre generosamente nelle inquadrature ai primi piani per scovare forze e sensazioni nuove che scaturiscono in ogni fotogramma di pellicola da una interpretazione profonda, sensibile e feroce dei due 'amanti disperati ' realizzata dai bravissimi Elio Germano e Astrid Berges-Frisbey.

Da seguire con attenzione ed interesse anche la storia parallela di Sandro (Valerio Binasco), il sensibile ideatore della discoteca Alaska, perchè rappresenta la vittima sacrificale ,come Nadine, immolata nella forsennata scalata economica e sociale di Fausto . Ottima la musica . Il film è stato scelto dalla selezione ufficiale della decima edizione della Festa del Cinema di Roma che si è svolta nella capitale dal 16 al 24 ottobre 2015 .