All review

7 Gennaio Gen 2016 1410 07 gennaio 2016

La pace a tutti i costi ...

  • ...

Sembra proprio di si. Ce lo dimostrano gli avvenimenti di questi ultimi giorni : Il test nucleare effettuato dalla Corea del Nord, le aggressioni compiute da giovani islamici su donne vicino alla stazione di Colonia, la ricomparsa delle frontiere in molti paesi europei,le ripetute minacce da parte dell'Isis.Ma la vicenda che desta maggiore paura nel mondo ed in particolare in Giappone e nella Corea del Sud è la certezza che ormai la Corea del Nord possiede micidiali ordigni nucleari che potrebbe anche utilizzare con vettori a media e lunga gittata.

Come siamo arrivati a questa drammatica situazioni ? L'ONU e le grandi potenze del mondo ( USA, Russia e Cina )con iniziative 'pasticciate', costituite di blande minacce e consistenti promesse, hanno fatto sì che un paese del mondo, privo ad oggi di un reale ed affidabile controllo democraticio, possa tenere in scacco tutto il mondo brandendo la minaccia nucleare come una clava. Questa l'inquietante successione delle tappe del nucleare bellico della Corea del Nord : Il 9 ottobre 2006 la Corea del Nord condusse il suo primo test nucleare, diventando il nono paese al mondo a disporre della bomba atomica. Il 17 marzo 2007 la Corea del Nord affermò nei negoziati internazionali che avrebbe iniziato i preparativi per la disattivazione del sito nucleare principale. Questo spegnimento venne confermato successivamente il 14 luglio 2007 dagli ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica che osservarono la fase di spegnimento iniziale del reattore nucleare di Yongbyon della potenza di 5 MW, anche se non era presente nessuna tabella di marcia ufficiale. In cambio, la nazione nord-coreana ottenne 50 000 tonnellate di petrolio dalla Corea del Sud con un saldo di 950 000 tonnellate di petrolio dopo avere spento in modo permanente il piccolo reattore. A seguito dei progressi nei negoziati nel settembre 2007, mirati all'accelerazione del termine del programma nucleare nord coreano, la Corea del Nord avrebbe 'disabilitato parte delle sue strutture nucleari' per la fine del 2007, in base alle dichiarazioni dell'assistente al segretario di stato Statunitense.Il 27 giugno 2008 venne disabilitata una torre di raffreddamento ad acqua nel sito nucleare di Yongbyon, ma il 17 gennaio 2009 fu riportata la notizia che la Corea del Nord avrebbe trasformato in armi circa 30 kg di plutonio, prodotto precedentemente dal reattore. Il 25 maggio 2009 la Corea del Nord effettuò un secondo test nucleare sotterraneo. L'esplosione, confermata ufficialmente dal Governo di Pyongyang, fu rilevata dai sismografi di Corea del Sud e Stati Uniti come un sisma di 4,5 gradi di magnitudo, corrispondente a una potenza tra i 10 e i 20 chilotoni.Il 12 febbraio 2013 il governo della Corea del Nord dichiarò di aver effettuato un terzo test nucleare sotterraneo, sottolineando come si era trattato di un 'test pienamente riuscito'. Il test, come nelle occasioni precedenti, provocò un terremoto di 4,9 gradi della scala Richter, causato, secondo gli esperti, da un ordigno di meno di 6 o 7 chilotoni. Il 1º aprile 2013 la Corea del Nord annunciò la riapertura del reattore nucleare di Yongbyon ed il 14 settembre 2015 che l'impianto nucleare di Yongbyon, utilizzato per la produzione di armi atomiche, ricominciava ad essere operativo.Il 10 dicembre del 2015, Kim Jong-un ha lasciato intendere che il suo Paese, aveva a disposizione l'atomica ed avrebbe messo a punto anche una bomba a idrogeno già pronta per farla esplodere. Ciliegina sulla torta : il 6 gennaio del 2016, il governo nordcoreano conferma di aver esploso con successo una bomba a idrogeno, provocando un terremoto magnitudo 5.1 con epicentro a 400 chilometri a nordest della capitale.

A questo siamo arrivati ! Dopo che il 5 aprile 2013 l'esercito nordcoreano ricevette dai comandi militari il via libera per un attacco nucleare contro gli Stati Uniti.Lo stesso giorno la Corea del Nord invitò tutte le ambasciate straniere a Pyongyang a prepararsi a evacuare. Ma non solo ,dopo aver esplicitamente minacciato Corea del Sud, Stati Uniti, ed anche il Giappone di attacchi nucleari su larga scala, il 18 aprile 2013 si dichiarò invece disponibile al dialogo, richiedendo in cambio: il ritiro di tutte le sanzioni ONU, l'interruzione delle operazioni di collaborazione militare tra USA e Corea del Sud, nonché le scuse ufficiali dei due paesi.

Ed ora ?