All review

26 Giugno Giu 2016 1149 26 giugno 2016

Recensione del film''La grande bellezza'' in versione globale.

  • ...

'La grande bellezza : se fosse un piatto si direbbe ricco ma senza sale'' , questo il titolo della mia recensione del 25 maggio 2013 del film pluripremiato di Sorrentino , nella versione,che oggi chiameremmo ''corta'' per distinguerla dall'attuale ''lunga'' vista il 25 giugno in anteprima al cinema arena La Pineta a conclusione della rassegna '' Parlare di cinema a Castiglioncello 2016''

Alle 18,30 ,nel parco Pasquini, presso il locale La Limonaia, Paolo Mereghetti ha presentato al pubblico presente in 'adunata oceanica' il premio Oscar Paolo Sorrentino che è stato subissato di interessantissime domande, da parte del conduttore e dei presenti, concedendo al regista l'opportunità di motivare adeguatamente la necessità di presentare, dopo tre anni , una nuova versione del film ''La grande bellezza'' arricchita con oltre trenta minuti di nuove scene girate all'epoca, che il maestro non aveva inserito pensando che un film di 172' potesse essere eccessivamente lungo per gli spettatori in sala.

Così concludevo la mia recensione di tre anni fa : ''...142 minuti di un prodotto ben confezionato , dove i più grandi sforzi sono nella fotografia , manca però l'intuizione artistica che rende il soggetto in parte incompiuto .''Oggi sembrano parole profetiche tanto che con l'attuale montaggio il regista ha inserito nuove scene. Per esempio in una, dai toni molto delicati e poetici , Jepi Gambardella (Toni Servillo) incontra Giulio Brogi nel ruolo di un anziano regista che immagina di poter girare un ultimo film e racconta del suo'' primo incanto'' , l'accensione del primo semaforo a Milano. In un'altra compare Fiammetta Baralla nel ruolo della madre di Ramona (Sabrina Ferilli). Ed altre ancora. Insomma ora il film con tante immagini e provocazioni anche disarmoniche ha raggiunto la massa critica che stimola in maniera adeguata nello spettatore un senso di vertigine morale come risposta alla generale atonia. Per questo oggi posso affermare :''La grande bellezza'' : se fosse un piatto sarebbe,ora, giusto di sale.