All review

8 Novembre Nov 2016 1547 08 novembre 2016

Stanotte ci sarà il nuovo presidente USA

  • ...

L'elettorato americano sembra diviso a metà tra i fans di Hillary e quelli di Trump, mentre in Europa ed in Italia in particolare la maggior parte delle simpatie sono rivolte verso la signora Clinton. La lunga campagna elettorale ha messo in evidenza uno scontro tra i due contendenti, nel quale non sono mancati interventi esterni dai contorni inquietanti( hackers russi e FBI) oltre alla mancanza di precise proposte nei riguardi della politica estera della superpotenza. E' questo però un dettaglio che ci può interessare molto da vicino.

Attualmente l'Italia si trova nella drammatica situazione di dover risolvere contemporaneamente molte situazioni critiche che vanno dalla elevata disoccupazione giovanile alle emergenze ambientali, dai terremoti disastrosi alla giustizia troppo lenta, dalla troppo diffusa evasione fiscale alla biblica immigrazione di clandestini, dall'ordine pubblico allo snellimento della burocrazia, dal diffuso malcostume negli appalti pubblici ad un costo eccessivo della politica. E' ovvio che qualcuno ci dovrà aiutare.

Prima di tutto il Padre Eterno, quindi la C.E. ed infine gli USA.Speriamo così che il mega terremoto che ha disastrato un prezioso e vasto territorio dell'Italia Centrale si esaurisca rapidamente permettendo il ripristino della normalità, che l'Europa ci dia una mano riconoscendoci le eccezionali spese derivanti dal salvataggio e messa in sicurezza di centinaia di migliaia di creature umane in fuga da paesi martoriati dalle guerre e dalla fame, che il nuovo Presidente USA si attivi prontamente per far cessare le guerre in tutti quei territori da cui parte questa enorme massa di umanità dolente che vede l'Europa come la Terra Promessa.Per ora non riusciamo a trovare in Libia od in Siria interlocutori politici in grado di fermare queste migrazioni, rendendo le aspettative di vita in questi posti accettabili. Ma gli USA possono avere questa reale possibilità.

Hillary o Trump, però, in campagna elettorale non ne hanno mai fatto menzione, come del resto gli interlocutori politici e la stampa europea non hanno mai rivolto loro richieste in questa direzione.

Correlati