All review

14 Dicembre Dic 2016 2049 14 dicembre 2016

Recensione del film ‘’Non c'è più religione’’

  • ...

Un film commedia del 2016 Diretto da Luca Miniero e interpretato da Claudio Bisio, Angela Finocchiaro e Alessandro Gassman. Soggetto e sceneggiatura Luca Miniero, Sandro Petraglia, Astutillo Smeriglia; fotografia Daniele Ciprì; Musiche Pasquale Catalano; Casa di Produzione Cattleya con Rai Cinema; Durata 90 '

Il soggetto si basa sui litigi farseschi che avvengono tra i cittadini di varie etnie presenti in una piccola isola italiana, semplicemente perché non si riesce a sostituire nel presepe il bambino che ormai è divenuto troppo grande e grosso per la piccola culla .Una commedia che parla dei diversi conflitti tra le comunità religiose del mediterraneo tanto da sollecitare il sindaco Cecco (Claudio Bisio) e Suor Marta (Angela Finocchiaro) a chiedere aiuto alla comunità musulmana presente nell'isola, più giovane e più prolifica, guidata dall’imam Bilal ( Alessandro Gassman), Marietto all’anagrafe perché italianissimo, ma convertito. Molto promettente il soggetto al quale non è seguita una sceneggiatura adeguata alle molteplici, drammatiche ed attualissime problematiche.

Si salva però l’eccezionale classe interpretativa espressa da un trio di attori che nella parte finale del film riesce a sollecitare nello spettatore una ricerca mentale ed emotiva per ritrovare possibili messaggi positivi da confrontare con reali situazioni presenti, per esempio, a Lampedusa oltre alle musiche stupende proposte da Pasquale Catalano tra le quali primeggia 4 marzo 1943(Gesù bambino) di Lucio Dalla. Il regista Luca Minieroe ha deciso di dare un taglio favolistico al film, cercando di stimolare gli aspetti poetici di argomenti che per la loro tremenda attualità non hanno ancora raggiunto la sufficiente serenità necessaria per poter essere condivisi in questi termini dal grande pubblico. Buona la fotografia di Daniele Ciprì che ha ulteriormente valorizzato splendide zone del Gargano dove il film è stato girato.

Correlati