All review

20 Febbraio Feb 2017 1010 20 febbraio 2017

Recensione dell'opera '' Il Cappello di Paglia di Firenze''

  • ...

Un'opera rara per tanti motivi : è una farsa musicale scritta da Nino Rota nel 1945 in pieno clima di tragedia nazionale, è un'opera scritta da un compositore ' atipico' nel panorama musicale nazionale ed è un'opera che dimostra come potrebbe svilupparsi la lirica al di là del verismo e del melodramma. Insomma Nino Rota, compositore eccezionale prima di tutto del settore cinematografico, con il Cappello di Paglia di Firenze ha riproposto l'opera come soggetto al quale deve essere applicato un commento musicale e non il contrario.
L'edizione pomeridiana ( 19 febbraio 2017 ore 16,30) dell'opera da me vista al Teatro Goldoni di Livorno nel nuovo allestimento del Teatro di Pisa , coprodotta dal Teatro di Pisa,Teatro Goldoni di Livorno e Teatro del Giglio di Lucca, ha avuto un notevole successo di pubblico e mi ha personalmente interessato per l'ottima regia di Lorenzo Maria Mucci che è riuscito egregiamente a condensare i quattro atti dell'opera in solo due, con movimenti in scena azzeccati nei tempi e negli spazi senza creare effetti 'caos', visto l'elevato numero di artisti in azione spesso contemporaneamente.
Le musiche di Nino Rota sono state correttamente eseguite dall'OGI Orchestra Giovanile Italiana con l'attenta direzione del maestro Francesco Pasqualetti, bravi tutti gli interpreti selezionati nell'ambito del progetto LTL, Opera Studio 2016 tra i quali emerge la soprano Maria Veronica Granatiero che ha interpretato con voce timbricamente interessante il ruolo di Elena , la timida sposina di Fadinard.

Correlati