All review

7 Luglio Lug 2017 1747 07 luglio 2017

Livorno si riappropria del suo Modì

  • ...

Tutti conoscono Amedeo Modigliani (12 luglio 1884, Livorno-24 gennaio 1920, Parigi) il grande pittore morto giovanissimo a Parigi di tubercolosi, l'ideatore dei colli lunghi. Pochi però sono a conoscenza del suo grande amore per la scultura su pietra che dovette abbandonare per gli effetti negativi sulla propria malattia e pochissimi conoscono la sua città natale . Diversi anni fa Livorno arrivò alla notorietà in seguito alla '' beffa delle teste di Modì'' ma ora buona parte dei livornesi, passando per via Roma, sotto le finestre della casa del maestro, auspicano un interessamento dell'amministrazione comunale per riportare, magari un pò, l'attenzione dei fans di Amedeo Modigliani di tutto il mondo da Parigi a Livorno.

Portrait of a young woman A. Modigliani, 1918

Osservando le tante iniziative che l'assessorato alla cultura del comune di Livorno ha proposto in questi ultimi tempi sembra che il desiderio verrà esaudito. Intanto è già avvenuta nei giorni scorsi la ricollocazione di un busto realizzato dallo scultore Vitaliano De Angelis da villa Fabbricotti all'Attias , vicino alla casa natale di Modigliani, oggi sede di un museo ed ora è prevista una serie di iniziative per ricordare il 12 luglio il giorno del suo 133.mo compleanno .
Così anche quest'anno la città si stringerà attorno ad Amedeo Modigliani per tutelare la sua immagine, con una serata ricca di eventi: è prevista l'esposizione di circa quaranta capolavori provenienti dalla collezione Carlo Pepi e da cinque gallerie storiche cittadine tradizionalmente legate ai macchiaioli e ai loro allievi.

Busto di Modì realizzato da Vitaliano De Angelis e ricollocato in Largo Attias

foto Mauro Guidi

La Sala Ferretti della Fortezza Vecchia ospiterà la tavola rotonda alla quale parteciperanno le istituzioni del Comune di Livorno e di Autorità Portuale ed esperti d'arte come Vincenzo Farinella (docente di Storia dell'arte moderna all'Università di Pisa), Carlo Pepi (collezionista d'arte), Corrado La Fauci (docente di Storia dell'arte), Umberto Falchini (studioso di Storia dell'arte). Moderatrice Irene Carlotta Cicora, giornalista.
La serata proseguirà con interventi di Carlo Pepi e Dario Ballantini che saranno intervistati dal caporedattore del “Il Tirreno” Alessandro Guarducci.
Fin dal mattino (dalle ore 9) saranno presenti in Fortezza Vecchia molti pittori labronici che, en plein air, faranno ritratti alle modelle presenti. Non mancheranno esposizioni fotografiche legate a Modì (Modiglianizzati di Fabrizio Razzauti) e alla città di Livorno (scatti di Andrea Dani). Oltre a momenti di danza è previsto un laboratorio artistico gratuito per bambini dedicato a Modigliani curato dalla Casa Editrice Sillabe dal titolo “Autoritratto in stile Modì” che prevede un premio per l'autoritratto più votato. Ci sarà un tutorial di disegno per bambini e la proiezione del cartone animato “Amedeo Modigliani” della serie TV “L'arte con Matì e Dadà”.Chiuderà la serata Michele Crestacci con il monologo “Ecco chi era Dedo”.
Ed infine non dimentichiamo che i cittadini espressero qualche anno fa la volontà di chiamare il più grande palazzetto dello sport della citta Modigliani Forum

Modigliani Forum Livorno

Correlati