All review

30 Settembre Set 2017 1006 30 settembre 2017

'' Chi m'ha visto'' : grandi attori in un contesto leggero

  • ...

Regia: Alessandro Pondi Sceneggiatura: Alessandro Pondi, Giuseppe Fiorello, Paolo Logli Attori: Pierfrancesco Favino, Giuseppe Fiorello, Mariela Garriga, Dino Abbrescia, Mariolina De Fano, Michele Sinisi, Maurizio Lombardi, Francesco Longo, Gianni Colajemma, Vito Facciolla, Sabrina Impacciatore Fotografia : Ramiro Civita Paese: Italia Genere: Commedia Data uscita: 28 settembre 2017 Produzione: Rai Cinema Iblafilm R.O.S.A. Production Rodeo Drive Distribizione: 01 Distribution Durata: 105 Min

Martino Piccione (Giuseppe Fiorello ) è un chitarrista pugliese, musicista di grande talento, che arrivato alla soglia degli 'anta' si rende conto di aver cavalcato per anni grandi palcoscenici con famosi interpreti senza però aver acquisito notorietà. Dopo una tournée con Jovanotti Martino torna alla nativa Ginosa, nella bella Murgia tarantina, dove ritrova tanti amici ed affetti : l'anziana madre Natuzza (Mariolina De Fano) , la fidanzata di sempre che ormai è stufa di apprezzarlo ed attenderlo, i paesani che continuano a chiedergli quando si troverà un lavoro vero, il parroco del paese che gli suggerisce di trovare occupazione stabile presso un locale distributore di benzina e l'amico d'infanzia Peppino Quaglia ( Pierfrancesco Favino ). Martino è spento ed avvilito dalla situazione, l'unico che sembra ancora credere in un suo possibile successo popolare e mediatico che possa restituirgli fama e successo sembra essere l'amico Peppino che sbarca il lunario, sornione ed apparentemente felice, utilizzande un vecchio ' Ape' per trasportare ipotetici ed improbabili turisti in visita alle Murge. Quando il chitarrista decide di attuare un gesto disperato per cercare di attrarre l'attenzione dei mass media su di lui per conquistare l'agognata popolarità, Peppino è disponibile ad appoggiare l'amico, in modo un pò stravagante e personale.

l'attrice Sabrina Impacciatore


Qui in pratica termina l'antefatto ed inizia la vera storia, caratterizzata da molti colpi di scena e da trovate emozionanti ed esilaranti, mettendo in luce prima di tutto il valore grande del film che si basa essenzialmente su una interpretazione eccezionale di due attori, Favino e Fiorello, capaci di contrapporre con veemenza ed arguzia le loro naturali doti espressive frutto di un grande mestiere e delle loro doti naturali.
L'effetto globale delle loro performances, insieme al meraviglioso cammeo interpretativo realizzato da Sabrina Impacciatore nel ruolo di una famosa conduttrice di un programma televisivo, sono però tre colonne in cemento armato in una capanna in bambù. Il film nella sua organizzazione strutturale di sceneggiatura e regia sembra essere troppo debole per sostenere la potenza interpretativa di questi attori per cui alla fine il primario obbiettivo di realizzare un documento credibile di critica sociale sembra lasciare il passo ad una serie di gag ben confezionate e divertenti , ma nulla più. Di buon gusto la scelta dei brani musicali, ottima la fotografia,convincente l'interpretazione della promettente Mariela Garriga.

Correlati