Alter Ego

16 Gennaio Gen 2013 1837 16 gennaio 2013

Haiku o l'arte di fare il formaggio

  • ...





Qualche giorno fa a Gonnostramatza (OR) sono arrivati due giovani casari giapponesi per imparare a fare il formaggio da uno dei maestri dei minicaseifici della Sardegna, Michele Cuscusa.

Ovviamente sono ragazzi curiosi, volenterosi, uno dei quali proviene da un città, Nagasaki, che mette i brividi a sentirne il nome, ma oggi e' tutto diverso, ci racconta.

Mi sono immaginata il suo gregge di 100 pecore e le sue ricotte, vendute nel suo agriturismo, come ha descritto nel suo italiano stentato ma affabile. Un bell'esempio. Un ragazzo che ha come modello di sviluppo il sud del nostro paese, dopo la Sardegna andra' in Sicilia a continuare le sue esperienze di aspirante maestro casaro insieme al compagno di viaggio. Ragazzi controcorrente in Giappone ma anche qui, se e' vero che sull'isola si dice pochi giovani scommettano sul pastoralismo di qualita', sull'imprenditoria, continuando a sognare la California del posto regionale, ma forse le cose stanno cambiando, anche come al solito se fa piu' rumore un albero che cade di una foresta che cresce.



Mi ha incuriosito l'interazione tra il mondo giapponese, la cui cultura non e' esattamente lattofila, e il mondo agropastorale sardo, che vive da secoli anche sulla pastorizia e la produzione di eccellente cacio sardesco, sulle tavole della nobilta' sin dal Medioevo.

I Giapponesi da poco conosco il formaggio, e ancora da meno tempo lo producono.

Mi ha colpito la passione di questi ragazzi per i formaggi freschi, semistagionati e stagionati ovini e caprini, per le ricotte, per gli yogurt, gli stracchinati, gli erborinati, e tutte le altre qualita' che hanno testato in questi giorni.

Mi ha colpito il loro senso del gusto, della misura,  la manualita', tutte esercitate con quella tranquillita' e pazienza che -per entrare nel personale- mi distingue dal mondo orientale così come me lo immagino, per cui quell'orientalismo esercita su di me una certa influenza.



Oggi i ragazzi sono stati insigniti di un attestato di partecipazione al corso. Non potevo mancare e di fatti... eccomi a chiacchierare di qualita' e di arte casearia insieme a Yiuchiro e Yoichi, Michele Cuscusa, Efisio Perra (Coldiretti Sardegna)  .

Sul tema sulla via del ritorno, tra immensi prati verdi, tipici di questa stagione sull'Isola, tali da farli assomigliare ad un pezzo d'Irlanda, ho composto un haiku, gloriosa poesia di tre versi:

Fare formaggio

per amore dell'arte

giro nel mondo