Americanos43

22 Dicembre Dic 2014 0055 22 dicembre 2014

Italia snobbata dai latinos? Risponde Giro

  • ...

Segue la quarta parte della megaintervista al sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, dedicata a una presunta disattenzione - nei confronti di Roma - da parte dei Governi latinoamericani. Una disattenzione che rappresenterebbe quasi una naturale reazione, rispetto all'analogo atteggiamento italiano. In molti, infatti, temono che il disinteresse delle Istituzioni italiane verso il Latino America - ormai pacificamente ammesso, seppur con svariate sfumature - possa produrre una risposta eguale e contraria, dall'altro lato dell'Atlantico. Gli indizi in questo senso sono vari. Pensiamo ad esempio alla megavisita europea del presidente della Colombia. Questi ha escluso l'Italia dal suotour, nonostante che in agosto avesse incontrato l'allora responsabile degli Esteri Federica Mogherini, proprio nel corso della cerimonia del suo insediamento.

Un peccato, giacché il Paese sudamericano è a un passo da una pace agognata da oltre mezzo secolo, che segnerà l'inizio di una fase dinamica di ricostruzione e investimenti.

Crede che dall'altra parte vi sia una disattenzione verso il Belpaese? Il leader colombiano Juan Manuel Santos - per trattare del processo pace - si è fatto ricevere dai capi di governo di Spagna, Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna, Portogallo; oltre che dai vertici dell'Unione europea. E l'Italia?

«Questo è importante: la visita del ministro Mogherini in Colombia per la presa di possesso di Santos, le ha permesso fare moltissimi Bilaterali. Guardi, noi abbiamo in questo momento il Semestre, quindi siamo molto concentrati sul Semestre. Santos è stato incontrato in varie occasioni, quindi non è vero che noi non siamo stati considerati. Anzi, devo dire la verità: i colombiani hanno grande interesse nei nostri confronti, e ci chiedono di partecipare al Fondo per la pace che si costituirà. E seguiamo la situazione colombiana con grande attenzione. Non trovo in questo momento che l'Italia sia lasciata da parte, né dal punto di vista dei colombiani, né in generale. Naturalmente ogni Paese ha una sua agenda, però devo dire la verità: dalla mia esperienza di questo anno e mezzo, ho trovato un interesse, una voglia e un desiderio di rapporti con l'Italia - in tutti i Paesi latinoamericani, grandi e piccoli - molto forti».