Americanos43

30 Settembre Set 2017 2051 30 settembre 2017

Cuba: Karina Valero, dopo Iglesias e Vin Diesel c'è Samsung

  • ...

Oggi dedichiamo il nostro spazio a Karina Valero Tieles: modella di venti anni circa, residente all'Avana - Miramar, Playa - che negli ultimi diciotto mesi ha illuminato in modo sorprendente il suo curriculum. Lo facciamo per due ragioni. In primis perché la notai già nell'aprile 2016, quando quel suo quid dirompente mi colpì, prima ancora che la giovane desse inizio alla scalata verso la fama.

E poi perché c'è bisogno di leggerezza, per informare in queste ore sull'Isla grande: specie dopo il passaggio mortifero dell'uragano Irma - con la necessità di ripristinare in toto linea telefonica fissa e fornitura del gas - e dopo soprattutto il riaccendersi delle tensioni con gli Stati uniti, questa volta per i fantasmagorici attacchi sonori.

Secondo alcuni ben informati, potrebbe trattarsi solo di un capitolo della guerra tra nerd - più che tra spie - di Washington e Mosca: si pensi non solo agli attacchi dei pirati informatici, ma anche ai falsi allarmi (provenienti dall'Ucraina) che hanno sconvolto Mosca, o alla scenografica chiusura del Consolato russo di San Francisco, con tanto di papalina fumata nera. Lo scrisse Italo Calvino, nato a Cuba - in quel di Santiago de Las Vegas - presso il municipio avanero di Boyeros: «Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall'alto, non avere macigni sul cuore». Così oggi si parla di Karina, che notammo sul leggendario Malecón avanese - di fronte all'Hotel Deauville - in occasione delle riprese di "Fast & furious 8" con Vin Diesel.

Tra tutti i figuranti, vestita di jeans e t-shirt color ciclamino, era l'unica che si faceva notare; se non altro per l'insolita capigliatura. Comunque si percepiva che era a proprio agio: infatti, prima di lavorare come comparsa nella pellicola - per far parte della nota agenzia di moda (e non solo) Actuar (Agencia artística de artes escénicas), sede nel Vedado avanero - era stata scelta per far da interprete con l'équipe di regia; e ciò grazie al diploma come pianista e clarinettista presso la celeberrima Ena, l'Escuela nacional de arte. Saremmo tentati di divagare sui mitici architetti della struttura - cioè gli italiani, Vittorio Garatti e Roberto Gottardi - ma qui non c'è possibile. L'ho poi perduta di vista, finché non è divenuta protagonista - da una delle zone più fascinose dell'Avana, calle Cardenas, ai margini dell'Avana vecchia, vicino alla stazione ferroviaria - del video del brano "Súbeme la radio": di Enrique Iglesias, Descemer Bueno, e il duo portoricano Zion e Lennox.

Regista del videoclip, Alejandro Pérez: il più importante autore cubano di video musicali, che ha messo la firma - e scusate se è poco - sul successo planetario di "Bailando". La scelta, con ogni evidenza, doveva riguardare una ragazza in cui le giovani cubane potessero identificarsi. Porte chiuse quindi alle prorompenti protagoniste dei video di reggaeton. Si possono trovare sul web varie interviste di Karina, in cui racconta l'incontro col figlio di Julio Iglesias, e il bel rapporto di collaborazione tra i due. C'è quindi la partecipazione al video di "Everyday" - fantastico il salto mortale - del gruppo di culto, Orishas. Arriva poi la pubblicità del Samsung Galaxy note 8, e la sua immagine - sul Malecón, e con sullo sfondo lo strepitoso Edificio Focsa - compare, per dire, anche su Canale 5.

Lei però ci scherza su, sul profilo Instagram, dicendo che effettivamente ha intenzione di cambiare il proprio vecchio smartphone, anch'esso Samsung.

Correlati