Back to USSR

13 Agosto Ago 2012 1543 13 agosto 2012

Zhadan e la zia di Yulia

  • ...

Sarebbe ora che qualche casa editrice italiana si decidesse a tradurre un po' più di letteratura ucraina contemporanea. Serhiy Zhadan, per esempio. Diversi suoi libri sono già usciti in Germania, affreschi dell'Ucraina degli ultimi vent'anni. In Italia solo questo.

Intervistato da Die Zeit offre un paio di sapidi commenti sulla situazione politica del suo Paese.

A proposito della Tymoshenko: "Non può ovviamente partecipare alle prossime elezioni. La sua nomina é stata solamente simbolica. Quello che non capisco: perchè l'opposizione mette in lista sua zia? Non la conosco, non so perchè dovrei votare per la zia di Yulia Tymoshenko, eppure l'opposizione me la mette seriamente in lista.. Yulia é stata una figura politica importante per questo paese, ma nel frattempo molti ucraini la ritengono una persona corrotta".

A proposito di Yanukovich: "Il presidente é ormai una figura ironica. Yanukovich viene deriso come George W. Bush. Giovani e intellettuali non hanno rispetto di lui. Solo in alcuni villaggi e tra alcuni lavoratori ha una qualche autorità. Lì la gente non ha ancora capito che é il presidente degli oligarchi che gli pagano la campagna elettorale".

Finché in Ucraina non ci sará una classe politica diversa, difficile che il Paese possa cambiare. L'appuntamento sará tra una decina d'anni. Magari allora si potrà leggere qualcos'altro di Zhadan anche in italiano.









Correlati