Bald Eagle

22 Febbraio Feb 2014 1520 22 febbraio 2014

Il mito del wrestling Hulk Hogan ritorna sul ring della WWE

  • ...

Dalle nostre parti, dove si celebra un festival della canzone nazionale in cui spiccano le apparizioni di personalità quali Raffaella Carrà, Gemelle Kessler e Silvan il Mago, la notizia non dovrebbe sorprendere più di tanto. Ma oltreoceano, l'annuncio del ritorno sul ring di Hulk Hogan, una delle più grandi stelle della storia del wrestling, sta suscitando non poco clamore. Perché sulla carta d'identità di Terry Gene Bollea, cittadino americano dalle origini italiane, francesi e panamensi, meglio conosciuto come Hulk Hogan, o The Hulkster, o Hollywood Hogan, alla voce 'data di nascita' c'è scritto 11 Agosto 1953. Ovvero, 60 anni suonati. Quasi sessantuno, per l'esattezza. Diversamente giovane. Vicino all'età della pensione. Insomma, quasi anziano. Ma il nostro, di essere rottamato, pare non avere alcuna intenzione.

La voce, negli ambienti vicini alla federazione ufficiale World Wresting Entertainment, Inc. (o WWE, già WWF - World Wresting Federation), girava già da qualche mese. Negli ultimi giorni, è giunta l'ufficialità, apparsa sul sito web della WWE: 'Il rosso e giallo è tornato, fratello. Il componente della Hall of Fame Hulk Hogan è ritornato alla WWE e presenterà Wrestlemania 30, Domenica 6 Aprile, al Mercedes-Benz Superdome di New Orleans. Hogan effettuerà il suo atteso ritorno alla WWE durante Raw del lunedì'. Dopo circa sei anni di assenza - l'ultima apparizione risale al dicembre 2007, in occasione del quindicesimo anniversario di Raw - The Hulkster (che esordì tra i professionisti nel 1979) è dunque pronto a rientrare. E in barba all'anagrafe. Perché, se è vero che si tratta innanzitutto di uno spettacolo, prima di ogni altra cosa, è altrettanto innegabile che l'impegno atletico richiesto sia non indifferente, come peraltro ben raccontato dal capolavoro 'The Wrestler' di Darren Aronofsky con un grandioso Mickey Rourke, film vincitore del Leone d'Oro di Venezia e di due Golden Globe.

Bollea/Hogan è, senza dubbio, una delle più popolari personalità legate al mondo del wrestling, anche al di fuori della cerchia degli appassionati. A lui e alla sua 'Hulkamania', unitamente al carisma di celebri lottatori quali André The Giant, Ultimate Warrior e The Undertaker e di altri ancora, è dovuto il boom del wrestling professionistico negli anni '80/90, prima in America, quindi oltre i confini a stelle e strisce. Non è un caso che, per celebrare le trenta candeline dell'evento pay-per-view Wrestlemania, abbiano pensato di affidargli un ruolo da protagonista. La federazione ha specificato che, sebbene Hogan sia presente solo in veste di 'presentatore', è comunque previsto che abbia 'un impatto' sull'andamento della gara. Non è da escludere, quindi, la possibilità di qualche spettacolare colpo di scena, come probabilmente si augurano i fan di tutto il mondo.

Correlati