Brodo di coltura

6 Settembre Set 2014 1532 06 settembre 2014

Renzi, l’élite amministrativa e la classe dirigente

  • ...

Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord (1754 - 1838) fu al servizio di Luigi XVI, Napoleone Bonaparte, Luigi XVIII

Renzi fa male a scavalcare l'alta burocrazia statale, ma anche l'élite del Paese, vedi la diserzione spocchiosa e sprezzante del meeting di Cernobbio. Ammesso che ci si possa permettere di non governare «con» l’establishment, arduo è farlo «senza», impossibile «contro». Capisco che l'appello populista determini in lui l’invincibile e sirenusico desiderio di raccordarsi piuttosto che con la fredda testa dell’élite, direttamente con la calda «pancia» del popolo, il quale per definizione pensa che le élite hanno torto: «il pesce puzza dalla testa» ama ripetere la casalinga di Voghera e l’omino al banco del mercato fa sì con la testa. Ma ahimè è lo stesso popolo «saggio» che non sapendo nulla di spore e di miceti e diffidando sempre e comunque del sapere di chi sa, o raccoglie nel sottobosco le solite due specie di funghetti che conosce, o quando si avventura nell’ignoto, muore avvelenato.

Ci può anche stare la diffidenza verso un’alta burocrazia vista come un mostro tentacolare e con occhi di brace pronta ad aprirti botole, a porgerti polpette avvelenate e a stilettarti con la perfidia subdola delle Curie e delle Cancellerie. E non è una diffidenza mal riposta. Nell’Italia dei «Misteri dei ministeri» descritta da Augusto Frassineti c’è questo ed altro. Puoi, perciò, pensare di ovviare ai «pugnali e veleni» delle Cancellerie nominando la comandante dei Vigili Urbani del Comune di Firenze a responsabile dell’ufficio legislativo di Palazzo Chigi, e la direttrice regionale delle Imposte dirette della Toscana a capo dell’Agenzia delle entrate, scegliendo fra persone note (e dunque fidate?), ma la selezione dell’élite intuitu personae, per conoscenza personale, può anche sbattere sul difetto delle tue conoscenze: come fai a giudicare la bravura di molte persone in diversi ambiti dell’Amministrazione solo con il «naso» e nulla sapendo delle loro scienze e tecniche? Puoi davvero pensare di affidarti sempre alla fedeltà scambiandola per bravura? E così può accadere, come pare sia accaduto, che le leggi vengano scritte male e che il Presidente della Repubblica, il cui staff legislativo è super- rodaggiato, ti respinga il tutto e con paterna persuasione morale ti suggerisca di spacchettare questo o quel decreto omnibus.

Uno dei migliori nostri Capi di Governo, Giovanni Giolitti, fu un bravo «tecnico» dell’Amministrazione, oltre che un politico, seppe cioè instaurare con l'alta burocrazia un rapporto di proficua collaborazione e di reciproco riconoscimento con il conseguente rafforzamento del potere politico tramite il suo naturale «braccio» esecutivo, quello amministrativo, nell’idea implicita che non basta cambiare il conducente perché la macchina vada secondo i suoi voleri. Ma Giolitti ebbe un tempo considerevole a sua disposizione, circa un quindicennio. Spesso infatti manca il tempo per queste felici combinazioni, e perciò accade che il politico non sappia nulla di amministrazione e gli amministratori che sanno che lui non sa, lo aspettano al varco, fedeli al motto «i politici passano, noi restiamo».

In Italia è venuta a mancare una élite amministrativa forte e anche socialmente riconosciuta, quella che i francesi chiamano «noblesse d’État» e che ha una tradizione risalente a molto prima della fondazione dell’ENA (Scuola di amministrazione), ai tempi del Ministro di Luigi XIV Colbert. Abbiamo clonato lo Stato italiano su quello francese, ma abbiamo rinunciato all’edificazione di una classe dirigente amministrativa stabile, ben selezionata e ben preparata, fedele allo Stato più che ai Governi, di modo che chiunque una volta entrato nella stanza dei bottoni possa dire, come Napoleone «L'intendance suivra ». Da noi succede invece che il politico spesso giunga «nudo alla meta» o che, quando entra nella stanza dei bottoni, scopra che non ci sono bottoni come diceva Nenni , perché avendo rinunciato l’Italia a una élite statale istituzionale - e ciò per diverse ragioni, non ultima per il fatto che la classe politica repubblicana soprattutto ha sempre voluto gli apparati deboli per meglio manovrare le clientele e i voti -, i veri bottoni del potere siano fuori dal Palazzo, nelle mani di piccole mafie e camarille ovvero degli «organigrammi informali» spesso costituiti da poteri occulti (massonerie) o impropri (sindacati) ma anche più modestamente da piccole bande di faccendieri composte da cricche parentali che si muovono sempre sottotraccia.

Nel recente passato, il vero «marziano a Roma» Silvio Berlusconi, pensò bene, sbagliando - perché non solo non governò, ma anche non amministrò-, di affidare a ben noti plenipotenziari la noiosa incombenza dei rapporti con l'Apparato (il vero potere, invece), i quali a loro volta si appoggiarono al loro milieu di riferimento: il Vaticano, il centro selezione classe dirigente «Circolo Aniene», il potente sindacato cattolico d'ispirazione cattolica e i cari corregionali di sempre, col risultato che a questi Tigellini si devono i due terzi degli apparatcik tuttora in circolazione.

Renzi faccia invece come Napoleone, il quale dopotutto si rivolse all’apparato che c’era, avvalendosi perfino di quella «merda in una calza di seta» di Tayllerand, che gli tolse tuttavia molte castagne dal fuoco. Visto che si è posto il termine più sensato dei mille giorni, provi a «staffarsi» come diceva la Moratti (al fine anche di essere adeguatamente «briffato» come suggeriva la Minetti), e cerchi di ingaggiare con discorsi chiari e netti, ma con lo stilo nascosto nella manica, quel pugno di dirigenti bravi della PA, che pure ci sono e spesso sono tenuti nascosti dai grandi papaveri. Tony Blair si avvalse di «delivery unit» create alla bisogna, gruppi di lavoro affidatari di dossier specifici e che egli escuteva personalmente ogni settimana. Bene sarebbe che tenesse un filo diretto, per orientarsi nello Stato, con il suo maggior conoscitore in Italia, il giudice della Corte costituzionale Sabino Cassese, autore del libello dove c’è scritto tutto ciò che occorre sapere «Lo Stato introvabile» se vuole davvero trovare lo Stato - operazione preliminare ed essenziale se si vuole cambiarlo-, non perdersi come Pollicino in quello «gliuommero» diabolico che è il Diritto Amministrativo, portare a casa gli obiettivi e salvare … la pelle.