Bum Baby Bum

21 Settembre Set 2016 1752 21 settembre 2016

DICHIARAZIONE D'AMORE A MIO FIGLIO. POST VACANZE 2

  • ...

Sono sopravvissuta. Non ho pensato ad altro in questa estate appena trascorsa. E oggi, che è il 21 settembre e l’autunno ha deciso di farci sapere che non fuggito in altri lidi, a bocce ferme intravedo la strada. Sono sopravvissuta. E quando dico che non ho pensato ad altro intendo che il mio pensiero fisso era quello di arrivare a settembre surfando su questi mesi fatti di mare e iodio e montagna e bagnetti e aria buona per Leone. Noi. Pochi aiuti e zero vie di fuga. Noi. Poco spazio per altro e lontananza da punti fermi che vedessero me come essere umano unico e bastante a se stesso. Noi. In ricerca dell’amore che ci lega, quello che conosciamo e quello che ci stupisce. Ogni giorno. E la cosa più incredibile dell’avere un bambino è che lo spazio dei pensieri si riduce drasticamente e ce n’è uno che invece si allarga a dismisura senza che uno se ne accorga in fieri: lo spazio della vita. Grazie a mio figlio sto imparando a vivere. Anzi vivo. Vivo l’amore che trasuda dalla sua pelle profumata e anche dalla puzza della sua cacca, che pulisco ogni giorno senza che mi schifi. Vivo. I suoi sorrisi che da sdentati passano a essere pieni e gioiosi e carichi di stupore…li avrò avuti anche io quei sorrisi? Vivo. La pace della sua anima matura perché pura e libera e senza strutture dolorose che gli impediscano di godere del calore del sole, del sapore del cibo, della dolcezza della frutta, dei baci che riceve e che sta imparando a dare. Vivo. I suoi primi passi da piccolo robottino, sempre avanti, sempre più sicuri. Vivo. Delle mie sensazioni profonde e uniche, del mio essere capace di amare in modo diverso e pur sempre aderente a ciò che sono. E il punto è proprio questo: ciò che sono. Vivo con la consapevolezza che tutti i mie diktat, i mie “io sono così” si possono frantumare come neve al sole, che possono non essere più delle inutili galere. Vivo. Con la consapevolezza che la propria identità non ti viene rubata da chi ami. E che puoi essere sempre più libera in questo. Puoi librarti in questo mondo dando tutta te stessa a ciò che è giusto tu faccia, sempre meglio. Proprio perché finalmente hai imparato a dare. Ecco. Io sto imparando a vivere. Grazie amore mio.

Correlati