CaffèePopcorn

3 Giugno Giu 2013 1950 03 giugno 2013

Into Darkness Star Trek - Recensione

  • ...

Into Darkness - Star Trek conferma senza ombra di dubbio il talento del regista J.J. Abrams nel saper gestire una saga così amata come quella di Star Trek e darle nuova linfa e una spettacolarità esemplare.
Fin dai primi minuti in cui l'eruzione di un vulcano mette a rischio la vita di Spock, mentre Kirk è in fuga dalla popolazione inferocita dopo il furto di un oggetto da loro venerato, si capisce subito che la sceneggiatura di Kurtzman, Orci e Lindelof cerca di unire sequenze d'azione mozzafiato con elementi più emozionanti dai risvolti morali in grado di sviluppare con intelligenza il rapporto che lega i membri dell'Enterprise e la situazione politica dell'universo di Star Trek, che tanto ricorda la società contemporanea.
Benedict Cumberbatch è uno degli elementi che rende Into Darkness migliore del primo capitolo di Star Trek versione J.J. Abrams: il suo Harrison-Khan sa creare fin da subito un senso di inquietudine e minaccia che aumenta progressivamente in modo inesorabile. L'attore britannico sa incarnare alla perfezione un nemico temibile sotto ogni punto di vista: psicologico, fisico e strategico. L'interpretazione intensa e ricca di sfumature emotive di Cumberbatch sostengono con grande personalità la trama del film che si sviluppa intorno a Khan, le sue motivazioni e le conseguenze delle sue azioni. Gli sceneggiatori hanno saputo, inoltre, approfondire il legame di amicizia tra Kirk e Spock con bravura, alternando momenti di incomprensioni a battute e situazioni divertenti. Into Darkness, infatti, può contare su un'ironia tagliente affidata a Zachary Quinto e al suo vulcaniano dalle reazioni controllate e a volte incomprensibili a chi gli sta intorno; ma anche i personaggi di Bones (Karl Urban) e Scotty (Simon Pegg) danno vita a dei passaggi che smorzano la tensione suscitando sorrisi e risate.
J.J. Abrams dimostra tutta la sua bravura muovendosi con sicurezza e fluidità tra le varie atmosfere e difficoltà registiche nel dare vita a un universo che risulti credibile persino nei momenti più estremi, gestendo con molta attenzione anche gli aspetti più politici di una trama dai tanti punti di contatto con il clima di tensione causato negli ultimi anni dal terrorismo.
Into Darkness è un sequel che compie la difficile impresa di superare il film precedente e lo fa con successo, alzando il livello tecnico e artistico, e introducendo nuovi interessanti personaggi (tra cui anche la dottoressa Carol Marcus) in una struttura solida che raggiunge in fretta toni epici. J.J. Abrams riesce, insieme al suo team ormai collaudato, a regalare un film fantascientifico che unisce divertimento e impegno, senza sbavature e gettando le basi per un terzo capitolo che sembra auspicabile e inevitabile, avendo lasciato aperte troppe domande di cui si vuole conoscere la risposta.

Correlati