Camera oscura

16 Settembre Set 2014 1757 16 settembre 2014

Le continue criticità della Garanzia giovani

  • ...

Non c’è pace per la Garanzia giovani, il piano europeo per combattere la disoccupazione nella fascia di età 15-29 anni lanciato lo scorso anno dal governo Letta e partito il 1 maggio scorso. Ci eravamo già occupati dell’argomento in due precedenti occasioni, l’ultima il 7 settembre. Grazie all’ottimo contributo fornito da Adapt, il centro studi sul lavoro fondato da Marco Biagi che dalla fase di lancio sta monitorando lo Youth Guarantee, è ora possibile fare un ulteriore passo in avanti rispetto a quanto detto e scritto finora. Oltre ai non esaltanti risultati raggiunti finora dal piano, gli ultimi rilievi effettuati mostrano come «il periodo estivo non sia stato utilizzato per implementare la qualità del portale nazionale che sarebbe dovuto invece essere la prima e più importante interfaccia tra i giovani alla ricerca di una occasione di lavoro e le aziende alla ricerca di giovani da inserire al loro interno». Al momento – scrive Adapt nel suo ultimo report, curato da Umberto Buratti, Carmen Di Stani e Giulia Rosolen – «il sito ministeriale, nella maggior parte dei casi, non fa altro che “rimbalzare” annunci delle Agenzie per il lavoro senza un vero e proprio controllo su quanto inserito. Quasi il 90% delle offerte pubblicate, infatti, è stato caricato da queste e si riferisce a posizioni del tutto indifferenti rispetto al programma europeo». Di più: «Se da uno studio quantitativo si passa ad uno qualitativo, la nostra analisi evidenzia come le figure ricercate riguardino tendenzialmente profili medio-bassi».

Nelle tabelle allegate al monitoraggio, Adapt mostra come nelle prime dieci posizioni appaiono profili professionali legati al mondo industriale e manifatturiero: si va dai più generici addetti, operai e impiegati, a figure più specializzate come i manutentori o i saldatori anche se non mancano richieste per ingegneri e programmatori informatici. «È bene sottolineare – è scritto nel documento – che la lettura degli annunci, spesso, mette in mostra come le aziende siano interessate a persone che sono già in possesso di una esperienza nel settore di riferimento. Un simile requisito può giungere talvolta ai dieci anni. Appare evidente che tale richiesta si pone in contraddizione con i pilastri della Garanzia giovani che invece vuole intercettare chi ha appena terminato un percorso di studio oppure è in una situazione di mancanza di formazione e lavoro».

Come scritto all’inizio del mese da Lettera43.it, inoltre, il contratto a tempo determinato risulta essere la formula preferita dalle imprese. «Quasi il 76% delle vacancies propone, infatti, un contratto a termine, mentre il contratto a tempo indeterminato riguarda quasi il 14% delle offerte». Più indietro ci sono i tirocini e l’apprendistato che, invece, dovrebbero essere il cuore stesso della Garanzia giovani. «Anomalo è anche il dato relativo ai tirocini», conclude il bollettino: «Nemmeno il 6% delle opportunità connesse alla Garanzia giovani si sostanzia in uno stage» (un elemento di criticità che Adapt definisce «particolarmente grave»).

Twitter: @GiorgioVelardi