Diplomaticamente

26 Ottobre Ott 2013 0000 26 ottobre 2013

La Tunisia di nuovo alla testa della primavera araba

  • ...

la grande stampa internazionale non vi ha prestato molta attenzione, ma la “primavera tunisina” sta conoscendo un momento di svolta forse decisivo, dopo le tante, tormentate vicende che hanno segnato i seguiti della fuga di Ben Ali nel gennaio del 2011. Basti pensare ai quattro governi che si sono succeduti e due assassinati politici che la hanno macchiata. Per non parlare della perniciosa insorgenza del terrorismo e della crisi econimica e sociale. La ragione della svolta? il fatto che dal giorno 25 ottobre è finalmente iniziato il dialogo nazionale che nell’arco di quattro settimane dovrebbe portare a definire la data delle elezioni, a completare il testo costituzionale e a porre in essere un nuovo governo “di scopo” guidato da un Premier di consenso tra i partiti di governo e di opposizione. E questa è una notizia che apre ad una speranza, cauta ma concreta. In ogni caso siamo in presenza di una transizione che ha avuto nella società civile la protagonista assoluta, nella piazza e nel voto.

Correlati