Female Wor(l)d

21 Settembre Set 2015 1416 21 settembre 2015

Miss Italia 2015, Alice Sabatini e la gaffe sulla guerra: la bellezza batte l'intelligenza

  • ...

Ieri sera è andata in onda la finale di Miss Italia 2015, vinta da Alice Sabatini, 18enne del Lazio che, oltre ad aver sdoganato lo stereotipo della miss con i capelli lunghi – il suo taglio corto e sbarazzino ha trionfato sulle chiome fluenti delle altre concorrenti – resterà nella storia della manifestazione, senza alcun dubbio, per alcune dichiarazioni rilasciate proprio durante la trasmissione. Durante la fase finale di Miss Italia, alle tre finaliste, Alice Sabatini, Letizia Moschin e Vincenza Botti, è stato chiesto di rispondere a delle semplici domande che sarebbero servite al pubblico a casa a conoscere maggiormente le ragazze e a giudicarle non solo per il loro aspetto fisico, e dunque come un corpo/oggetto in mostra, ma anche per la loro personalità, e dunque per valutarle come esseri pensanti, con delle idee proprie e una propria individualità intellettuale.

MISS ITALIA E LA GAFFE SULLA SECONDA GUERRA MONDIALE - Ecco, proprio su quest’ultimo punto Alice Sabatini, colei che è stata eletta la più bella d’Italia, ha chiaramente ‘toppato’: alla domanda di Claudio Amendola, che ha chiesto alle tre ragazze in quale epoca sarebbero volute vivere e chi avrebbero voluto essere, la miss ha dato una risposta che ha gelato il pubblico presente e quello a casa. 'Vorrei essere nata nel'42, per vivere la Seconda Guerra Mondiale. Sui libri ci sono pagine e pagine, io volevo viverla per davvero, poi essendo donna non avrei nemmeno dovuto fare il militare ma sarei rimasta a casa'. Una risposta questa che ha lasciato attoniti e senza parole sia i tre coach sia il pubblico. Siamo passati dunque da “vorrei la pace nel mondo” – un τόπος di Miss Italia, divenuta un’affermazione stereotipata di questa manifestazione che da decenni chiama a raccolta un numero sempre più alto di ragazze pronte a sfidarsi a colpi di sfilate e bikini per aggiudicarsi la fascia di più bella d’Italia-, a “vorrei vivere la guerra”, così come ha sottolineato anche Vladimir Luxuria, presente in giuria.

BELLEZZA VS INTELLIGENZA - Si sa, Miss Italia non è propriamente un programma che promuove la competenza delle donne ma punta solo a giudicare la bellezza esteriore di un corpo perfetto messo in vetrina, al pari di un oggetto. Per questo motivo, e prendete questo come un parere del tutto personale di chi scrive, è stato un bene che la Rai – canale pubblico nazionale - abbia rinunciato a trasmettere la trasmissione (ma non dovrebbe trasmetterne anche molti altri). Ora, perché sorprendersi di questa risposta che ha tanto suscitato scalpore in rete? Non me ne voglia Alice Sabatini poiché la mia critica, che in questo momento è indirizzata a lei, si estende a un numero, ahimè, molto alto di ragazze come lei. Potrei dare alla neo miss delle attenuanti: imbarazzo misto emozione, panico da telecamera, stanchezza e tensione in vista del verdetto finale, ma forse, più semplicemente, tali dichiarazioni sono da imputare solo a un ‘vuoto cosmico’, una pochezza intellettuale che colpisce in particolare le giovanissime donne che puntano a mercificare il proprio corpo (sempre più magro) piuttosto che nutrire le loro menti.

Chi lo dice ad Alice Sabatini che ci sono state donne della Resistenza che hanno combattuto la Seconda Guerra Mondiale, che non sono rimaste a casa 'perché donne' e che, pur di non tradire la loro causa e di salvare la loro patria, hanno perso la vita durante il conflitto bellico. Erano donne che avevano pressappoco la stessa età che la neo miss ha oggi, donne i cui nomi, purtroppo, non troverà in quelle “pagine e pagine di storia che ha sfogliato a scuola”. Queste donne hanno fatto la storia. Alice Sabatini ha vinto Miss Italia.