Glam of Com

4 Dicembre Dic 2014 1046 04 dicembre 2014

Come nasce una Birkin

  • ...

Anno 1984. 30 anni fa. Volo Parigi – Londra. Su quell' aereo viaggiano l’attrice Jane Birkin e lo stilista della casa di moda Hermès Jean-Louis Dumas. Lei ha in mano una borsa Hermès, appunto, ma ad un certo punto la apre e cadono a terra una moltitudine di fogli e appunti. La bella Jane, donna impegnatissima, femminile ma spesso di corsa, racconta allo stilista la sua difficoltà a trovare una borsa elegante, raffinata, ma comoda, spaziosa, adatta per i weekend. Lui, che come i migliori creativi della moda sa sempre cosa vuole una donna, la ascolta. E immagina. Passa pochissimo tempo da quel volo, che Jean-Louis Dumas ha già realizzato un prototipo di borsa che sia perfetto per i gusti e le esigenze dell’attrice inglese. E gliela fa arrivare a casa.

Così nasce Birkin. La Birkin di Hermès che ora compie 30 anni. Così nascono le creazioni destinate a segnare la storia della moda, quelle pensate e realizzate per chi dovrà indossarle o utilizzarle. Ecco. Forse non è solo il “sogno del lusso” a rendere così intriganti gli abiti e gli accessori delle grandi case di moda, agli occhi delle donne. Forse c’è di più: c’è la capacità dei creativi di entrare nella quotidianità delle donne, nella loro mente, di osservarle con empatia catturando i loro desideri, i loro bisogni. C’è quel ‘quid’ in più che rende uno stilista di successo, psicologo, sociologo e interprete geniale del mondo delle donne. Così da realizzare un abito o un accessorio che si adatti alla donna, e mai il contrario. E’ questo il segreto della Birkin, come di ogni creazione destinata a diventare icona, ad accompagnare le generazioni, le storie, ad oltrepassare trasversalmente i gusti, gli stili e le culture. Adattarsi alla donna, e mai il contrario. Ecco come nasce una Birkin.