Krisis

14 Giugno Giu 2013 1902 14 giugno 2013

Il lavoro nell'era del web

  • ...





In un convegno tutto dedicato al lavoro, la Luiss Guido Carli presenta catchawork.com, il primo social network dei video curriculum e del video collocamento.

Giovani e adulti, aziende e studenti si confrontano sui problemi principali generati dalla crisi attuale per tentare di dare una risposta positiva. Uno scambio di idee destinato a trasformarsi in progetti concreti.

Introduce la Prof.ssa Maria Rita Parsi, presidente del Comitato scientifico di http://catchawork.com  “Il talento individuale non può rappresentare una soluzione per la crisi attuale: solo attraverso uno spirito solidale e collaborativo è possibile creare nuove risposte”. La  professoressa sprona i giovani ad essere protagonisti attivi della propria vita. E catchawork.com risponde con un’ iniziativa davvero originale:  i gruppi di lavoro, ovvero la possibilità di allacciare amicizie professionali al fine di realizzare progetti insieme nelle aree di propria competenza. Inoltre le persone, supportate dalla tecnologia possono lavorare attraverso il “Video colloquio & Video conferenza”, un’applicazione che consente di effettuare videoconferenze e di condividere attraverso un’apposita lavagna qualsiasi genere di documento in tempo reale, così i recruiter possono somministrare test in tempo reale ai candidati.

Innumerevoli le potenzialità di catchawork.com , aspetto sociale e professionale si fondono in un nuovo connubio.

Costanza d’Ardia, insieme ad Antonio Simeone, Gianluca Renzi, Mario Giancola e Giuseppe Di Iorio, fondatori di catchawork.com, illustra le componenti tecniche del portale. Molti sono i benefici offerti agli utenti iscritti. Il curriculum cartaceo integra il video curriculum, gli utenti possono accedere direttamente alle aziende interessate con un semplice click sul pulsante “Mi piacerebbe lavorare qui” e cercare le offerte di lavoro filtrate sulla base delle proprie skills.

Le aziende a loro volta possono pubblicizzare la propria impresa e cercare i candidati in modo più rapido e diretto.

La Dottoressa Gandolfi,  dirigente Confindustria, parla dell’esperienza relativa alla selezione del personale in riferimento al progetto  Confindustria giovani. “ Sono sopraggiunti più di 7000 curricula”. La Dottoressa sottolinea l’importanza di uno strumento come catchawork.com, che fornisce un team di professionisti per la preselezione , riducendo tempi e costi per le aziende. Inoltre i giovani fondatori del social network concordano con lei sull’importanza di conoscere la persona nella sua interezza, sottolineando non solo la sua carriera scolastica e universitaria, ma anche le esperienze di vita. “L’autenticità nei colloqui di selezione è tutto: siate voi stessi, con sincerità.” Per questo catchawork.com fornisce la possibilità di un Video curriculum, attraverso il quale la persona può presentarsi direttamente all’azienda, mostrando se stesso nella maniera più spontanea possibile, come sottolineato anche dalla Dottoressa Maria Chiara Talamo, psicologa del lavoro per Confindustria, Luiss e catchawork.com , che ci mostra qualità che spesso vengono trascurate, quali l’intraprendenza, la determinazione, lo spirito d’iniziativa e la versatilità. Sempre funzionale all’obiettivo di assicurare una rapida visibilità dei candidati presso le aziende, è l’applicazione del video colloquio. Uno strumento destinato ad eliminare la necessità di avvalersi di intermediari nella ricerca dei candidati idonei: le aziende infatti possono sottoporre test in real time agli utenti scelti.

Decisivo l’intervento del Professore della Luiss Guido Carli, Paolo Boccardelli  che ha mostrato le carenze del mondo imprenditoriale italiano.” Il problema è che in Italia c’è una bassa propensione al rischio. La presenza in catchawork.com di esperti valutatori dei video curricula è un punto di forza. è un'idea eccellente che risponde all'evoluzione del mercato del lavoro.

Aggiunge Antonio Lupetti: “Il vero punto di forza è che in catchawork ci sono offerte di lavoro reali.

Lorenza Lei, amministratore delegato Rai, sottolinea la necessità per i giovani in cerca di lavoro oggi di saper ricoprire diversi ruoli : la multidisciplinarietà sembra essere più importante di una qualificazione settoriale.

Il Dottore Francesco Baruffi (Fondazione Democenter - SIPE) , e il Dottore Etienne Marchadier ( GDF - SUEZ) chiudono il convegno mettendo alla luce le loro esperienze passate e presenti in materia di recruitment.

L’evento prosegue nei giardini della Luiss con un cocktail “networking” dove studenti e aziende, da citare Onu, Fao, Bnl, Johnson & Johnson, Aeroporti di Roma, Ubi Banca,  si incontrano  dando vita ai primi contatti diretti con il mondo del lavoro.

Antonio Simeone

Correlati