Liberamente

24 Aprile Apr 2013 2247 24 aprile 2013

Fassone: “Stadio nel 2018. Handanovic resta? Convincete Moratti…”

  • ...

Distinto e pacato come vuole la gloriosa tradizione nerazzurra, c’era anche il direttore generale dell’Inter Marco Fassone alla presentazione milanese del nuovo Samsung Galaxy S4.

Nonostante le bellezze dal mondo dallo spettacolo e l’ultimo gioiello tecnologico del produttore coreano, il dirigente di Corso Vittorio Emanuele è rimasto tutta la sera concentrato sui problemi del club. Qualche scambio di battuta con il rivale Beppe Marotta, altro ospite dell’evento, e poi sotto con le domande: inevitabile il primo argomento, lo stadio di proprietà. “Lo stadio si farà - ha spiegato Fassone -. Entro quest’anno dovremmo essere in grado di chiudere la fase legata agli aspetti finanziari per convincere definitivamente il presidente Moratti sul progetto. Abbiamo già individuato tre possibili aree (due sono quelle di Pero e S. Donato, ndr) e presto esporremo al sindaco la nostra proposta. Considerando i tempi della burocrazia in Italia, penso che i lavori potranno iniziare entro un paio d’anni per concludersi nel 2018”. Nel frattempo, però, bisognerà mantenere alto l’entusiasmo dei tifosi, o gli sforzi del presidente rischiano di risultare vani: “Il bilancio in questo momento ci vieta spese folli, ma siamo comunque riusciti a chiudere 5 interessanti colpi per la prossima stagione: Laxalt, Campagnaro, Andreolli, Botta e Icardi”.

Decisamente più curioso il discorso cessioni. Si vocifera di un’offerta del Barcellona di 30 milioni per Handanovic.La richiesta ufficiale ancora non l’ho vista - ha precisato -, ma se dovesse effettivamente arrivare quello da convincere sarebbe il presidente. Fosse per me, non priverei il gruppo di un campione come Samir, anche se capisco che la mancata qualificazione in Champions rischia di negare risorse importanti alla società”. Se poi nella trattativa venisse inserito anche Alexis Sanchez… Il giovane Bardi è pronto per un salto così grande? “Bardi è senza dubbio un ottimo prospetto, ma obiettivamente è ancora acerbo. Lo faremo giocare in prestito in Serie A per tastare i suoi progressi in un campionato difficile come quello che potrebbe affrontare tra qualche anno con l’Inter”.

Insomma, sarà ancora una volta un calciomercato ricco di sorprese: “Il nostro obiettivo è un altro centrocampista alla Kovacic. Siamo davvero soddisfatti di Mateo. Il suo talento è impressionante per essere solo un classe ’94. E il nuovo progetto Inter ripartirà proprio dalla mediana”, parola di Fassone. Meglio tardi che mai.

Correlati