Lost in Dolcetto

29 Novembre Nov 2013 0028 29 novembre 2013

Bicchiere di Barbera e cioccolata rock'n'roll

  • ...

Bicchiere di Barbera e cioccolata rock'n'roll

Nel cuore del Torino Film Festival significa per me fare un'immersione totale di proiezioni, scoperte, cibo e vino. Dando il posto d'onore ai dolci, dei quali il Piemonte è patria. Prendiamo oggi. Si parte con il classico new Hollywood di Jerry Schatzberg "Scarecrow", che ho visto da bambina. Sulla scena Al Pacino e Gene Hackman a contendersi lo scettro del più bravo.
Non mi ricordavo una scena di violenza sessuale di un uomo su un uomo così cruda (parentesi). Poi c'è stato il giapponese "A Woman and War" in concorso, che mi ha shockkato e di cui sospendo il giudizio. Non so se la maniera scelta dal regista di condannare la barbarie della guerra e un suo carnefice mascherato da bravo soldato, ovvero le reazioni di una donna sottoposta ad abuso, sia quella giusta. Terz'ultimo c'è stato un autentico capolavoro per la tv, un prodotto che non avrei mai avuto occasione di vedere: "Top of the Lake" episodes 1 and 2 di Jane Campion. Un polar, che mescola thriller, noir, horror, in grado di tenermi inchiodata alla sedia tutto il tempo. L'angoscia viene da ciò che non vedo, da personaggi marci, che non conoscono altro linguaggio se non quello della violenza e della sopraffazione. Terribile, ma artisticamente perfetto. E la suspence torna ad essere roba seria.
Infine, Battiato. Nei paraggi del genio, come crea, come medita, nel biopic "Temporary Road. (Una) vita di Franco Battiato." Ascoltandolo e ripassandone i testi, si capisce come il cantautore siciliano abbia sempre avuto un altro passo rispetto ai suoi colleghi. La ricerca, in campo musicale e lirico, dopo gli esordi milanesi nelle canzonette.
Mi merito Zucca. Locale storico di Torino, mi ha accolto con una selezione di tramezzini mignon che non scorderò. Quello ai gamberetti è da primato. Buona la crostatina di fragole brinate. Quella crema è veramente fresca.
Alla tarde del pomeriggio, invece, salgo al Lounge, la terrazza del festival in piazza Castello. La casa offre tortini di piselli e uova, seppioline, polenta e salsiccia. Poi gli involtini, il succo alla pera e......... Il Barbera! Capperi ho preso quello forte. Neanche troppo ciucca esco da lì e penso a un ripiego per il dopo film. Cioccolata in tazza con panna. Una ciocco molto rock, al ritmo di "All along the watchtower".

Correlati