Mens sana Polis sana

23 Settembre Set 2017 1322 23 settembre 2017

E adesso? A Palazzo Marino Gherardo Colombo non fa la colomba

  • ...

E adesso? Dopo un anno di incontri fuori e dentro il Palazzo, il Comitato per la Legalità, presieduto dall'ex pm Gherardo Colombo, ha presentato la sua prima relazione: una lavata di testa bella e buona che si traduce implicitamente con un j'accuse che lascia poco spazio agli struzzi. Il Comitato tanto voluto dal sindaco Sala, oggi, presenta un conto a dir poco salato: una riorganizzazione della macchina comunale con ancora troppe lacune, prassi bocciate a piene mani come quella di affidare alla Polizia locale eventuali pseudo indagini su dipendenti non proprio corretti, invece che rivolgersi direttamente alla Procura, la mancanza di un censimento serio sui beni del demanio il cui stato di fatto e di utilizzo sembrano molto carenti, il controllo sull'assegnazione degli stessi. Ma si avanti con pratiche edilizie, risposte troppo lente e dai tempi poco europei alle istanze, alla poca chiarezza e ai mancati controlli sulla gestione e sulla manutenzione dei centri sportivi, alle presunte infiltrazioni mafiose tra chi organizza le feste di via. E poi per passare ai grandi temi come Anac e M4. Insomma, il Comune è stato passato ai raggi X e quello che ne viene fuori, tra le righe più o meno velatamente, è un giudizio critico su direttore generale, dirigenti e assessori alle partite interessate. A leggere la relazione di Colombo pare quasi che in Comune ci si arrabatti tentando di lavare i panni sporchi in casa. Un giudizio pesante, e che corrisponda o meno alla realtà, impone una risposta in termini pratici da parte del sindaco. La domanda sorge spontanea: e quindi? Che si fa? Risulta strano che questa inefficienza provenga da una giunta guidata da un manager prestato alla politica e da assessori in alcuni casi tecnici. Organizzazione e trasparenza dovrebbero essere principi fondamentali delle Pa, detto ciò, a questo punto, diventa necessaria una risposta concreta e una politica. Di certo, non è pensabile che dopo un report del genere finisca tutto a tarallucci e vino.

Correlati