Mister Right

2 Giugno Giu 2012 2010 02 giugno 2012

Chi bella vuole apparire...

  • ...

Donne che amano troppo, Robin Norwood. Il peggior libro che possiate leggere se volete sentirvi meglio dopo una separazione. Piuttosto, andate su La Magnifica Stronza di Sherry Argow.



Quando ti trovi ad essere stata «sedotta e abbandonata» (un amico di recente ha usato l'espressione «single e mazziato», che prendo in prestito volentieri), nel novero delle innumerevoli e fastidiose conseguenze rientrano anche periodici e per fortuna momentanei crolli dell'autostima.
Quei momenti in cui - di solito è sabato mattina, sei in modalità scazzo totale ed esci con una collega per una passeggiata con il suo cane - decidi che sei talmente un cesso, che non vale la pena nè di truccarsi, nè di vestirsi con cura.
Proprio perchè hai un innato senso estetico, abbini una maglia blu di Abercrombie a un pantalone verde militare e a delle sneakers vintage.
Reggiseno senza ferretto, nè push-up, che tanto alla faccenda che devi sempre essere al top perchè magari quando meno te lo aspetti incontri l'uomo della tua vita...non ci crede più nessuno.
L'autostima è talmente sotto le suole, che dopo essere entrata e uscita da almeno otto negozi, non hai trovato nemmeno un vestito che ti attirasse (e poi, con quella faccia, qualunque cosa ti sarebbe stata male).
E cos'è la prima cosa che si fa, per sentirsi meglio? Ci si coccola. (Oddio, forse ci si butta sulla Nutella, in realtà. Ma oggi fa caldo, meglio le coccole).

Comunico alla collega che sento il dovere fisico e morale di andare dal parrucchiere e mettermi in ordine.
Peccato non abbia considerato che è il 2 giugno e anche nella Milano del laurà-danèè, qualcuno, giustamente, si riposa. In tutto il quartiere non c'è un salone aperto.
Illuminazione: Coppola in Rinascente mi può salvare. Telefono: mi fissano un appuntamento per le 16.30. Giusto per convincermi che ne ho proprio bisogno, vado lì mezz'ora prima, mi provo due vestitini di Michael Kors trovando il mio riflesso nello specchio decisamente orrendo. E quindi salgo all'ottavo piano.
Quanto mi sento una schifezza, probabilmente, mi si legge in faccia quando entro. E lo stato d'animo non migliora dopo aver visto le fighette che sono sedute a farsi pettinare. Tutte munite di chihuahua e Ipad, organizzano serate mirabolanti e si dicono frasi del tipo «Amore, con quel ton sur ton sembri la Belèn». (Per deformazione professionale, riesco solo a pensare che l'articolo davanti al nome proprio...non si usa).

Mi prende in consegna Paola. Che per qualche strana forma di empatia, ha una storia simile alla mia e mi comunica che sta leggendo un libro che le ha cambiato la vita. Io dentro di me penso «Nondirlo.Nondirlo.Nondirlo». E lei...lo dice: «Si chiama Donne Che Amano Troppo». Che detto tra noi, come La Corazzata Potemkin...è una cagata pazzesca. Un testo in cui ti dicono che se sei innamorata di un alcolizzato, o di uno che ti picchia, dovresti liberarti dalla tua dipendenza dagli uomini (ma và?).

Penso che ho bisogno di tutto, tranne che di una seduta dall'analista. E cerco di riportare il discorso sulla mia ricrescita. Arriva Roberto, art director del salone. Che è anche un bel tocco di ragazzo. Sarà per questo che al suo «Ti faccio uno shatush che ti trasformo, poi ti asciugo i capelli mossi e non lisci come la Cuccarini (a quel punto io penso che almeno posso dire che ho i capelli come la più amata dagli italiani)», io rispondo con un sorriso ebete e niente altro.
Un taglio, una piega mossa e un caffè gentilmente offerto dopo....mi presentano un conto di 376 euro. Si, avete letto bene: 376 euro.
Sono effettivamente molto cambiata rispetto a quando sono entrata. L'autostima è a mille. Ma non riesco bene a capire se era meglio sentirsi una cacca (come prima) o una deficiente (come ora). Quel che mi è chiaro, è che una seduta dall'analista...mi sarebbe costata decisamente meno.
Prima di uscire mi chiedono - pensate un po' - chi è l'uomo per cui mi sono fatta così bella.
Come se esistesse un uomo al mondo per cui vale la pena spendere una cifra del genere.
Eh no, stasera sono tutta per me ;)

Correlati