Mister Right

15 Luglio Lug 2012 2114 15 luglio 2012

La regola del più

  • ...

Coppi e Bartali. Ma nessuno, stavolta, vi passerà la borraccia.



Cosa succede quando una donna è «più» dell'uomo con cui esce, o del quale è innamorata, o per cui, semplicemente, comincia a provare interesse?
Più vecchia, per esempio. Più ricca. Più avanti di carriera. Più sveglia. Più esperta. Più intelligente. Più decisa. Più consapevole. Più calma. Più problem solving. Più spregiudicata. Più bella. Più corteggiata.
Aggiungete pure la variante che fa al caso vostro. Tanto il risultato non cambia. La risposta è sempre la stessa: è un casino.

Perchè la verità è che gli uomini passano la vita a dire che vogliono una donna forte, consapevole, emancipata al loro fianco. A volte si spingono sino ad ammettere che è vero che dietro un grande uomo c'è una grande donna. Ma alla fine sono tutte balle. Loro, in fondo (ma neanche tanto, vista la facilità con cui la verità emerge in superfice), ci vorrebbero «di meno». Inferiori, insomma. Relegate in un ruolo di sudditanza che li fa sentire potenti. Altrimenti vanno nel panico.
Adesso cercano anche di colpevolizzarci, per esserci conquistate la parità. Perchè abbiamo il coraggio di cantargliele. Perchè ci siamo rotte le palle di farci mettere i piedi in testa. Badate che non è questione di femminismo, nè di bruciare i reggiseni in piazza.
Anzi, a me gli slogan gridati hanno sempre innervosito. Il nostro è un lavoro silente. Giorno dopo giorno, vi dimostriamo che siamo in grado di darvi dei gran punti. Per noi non è una sfida. È la semplice realtà. Per voi, invece, è un attacco al vostro orgoglio di maschio. E sbarellate. Ed è qui che comincia il divertimento. Le prove? Eccole.

PIÙ VECCHIA. Ci sono quelli che ancora sognano di uscire con una donna che ha più anni di loro per dare corpo a quell'orrenda espressione che è «nave scuola».
Bambocci, la scuola è finita. Nessuno vi picchierà sul sederino con il righello facendovi venire un'erezione. Qundi, se uscite con noi, non cantatevela con gli amici, dicendo che volete imparare l'ars amatoria dalla «vecchia», quando poi sappiamo tutti che siete lì a domandarvi con quanti uomini siamo state prima di voi e siete pronti a dondolarvi sui lampadari perchè volete essere i migliori. Rilassatevi, le Olimpiadi iniziano il 27 luglio.
Poi ci sono quelli che credendo di essere degli spiritosoni la mettono sul toyboy-cougar.
E dopo che ci siete uscite un paio di volte e si sentono coinvolti cominciano a dirvi, con la faccia da gatto morto: «Ma io per te sono solo un oggetto sessuale? No perchè vedi, io sono anche intelligente, sono un uomo che sa reggere una conversazione, mi piacerebbe che tu andassi oltre l'aspetto fisico». (ndr. come se il fatto di essere giovani e belli presupponesse l'esclusione di altre caratteristiche. Mah..e come se non sapeste che nessuna donna al mondo va a letto con un uomo senza essere, almeno un minimo, emotivamente coinvolta). E finisce che più che cougar, diventiamo badanti e ci tocca pure rassicurarvi. Una bella carezzina sulla testa, un lattino caldo con i Plasmon, e poi a nanna. AIUTO.

PIÙ RICCA. Guadagnare più di un uomo è ancora un affronto mal tollerato. Guidare una macchina più costosa della sua, peggio ancora. Tanto che non è la prima volta che mi capita di subire una sorta di vendetta da parte dello sfigato di turno con cui ho la sventura di uscire. Uno fra gli ultimi esordisce con un: «Posso portarti a bere una birra in un posto sgrauso o sei troppo fighetta?». Il che, detto a una che ha passato negli ultimi 5 anni i weekend in giro per i raduni biker di tutto il mondo, con birre in bicchieri di plastica e panini alla salamella, è curioso. Perchè gli uomini non capiscono che il mondo non è basato sul sistema binario? Perchè non ci arrivano, che non esiste «la donna salamella» e «la donna Nobu»? Che possono essere, tranquillamente, due aspetti della stessa meravigliosa e complicata venusiana? Che non mi tieni testa perchè mi porti a bere una birra calda in un posto in cui fa schifo sedersi sulle sedie? Non sei alternativo. Sei fesso.
Altra perla. Mi trovo a passare a prendere io un uomo, perchè la sua alternativa è la metropolitana. (Sì, lo so a cosa state pensando. L'ho trovato io il pirla che è allo stesso tempo ecologista, anti auto, terrorizzato dall'uso della moto, anti lobby dei taxisti). Sfiga vuole che quella sera ho a disposizione solo la più potente delle due macchine che possiedo. Lui mi guarda come se gli avessi fatto uno sgarbo e dice: «Ah bhè, se volevi mettermi in imbarazzo, ci sei riuscita». Immaginatevi il resto della serata. Sappiate solo che alla fine, adducendo una improbabile scusa («Sai, mi è appena arrivato un sms di una amica in crisi, la raggiungo»), l'ho mollato al capolinea della linea 1.

PIÙ INTELLIGENTE. Non lo ammetteranno mai. Ma sono perfettamente consapevoli del fatto che noi siamo più avanti. E generalmente, per dissimulare, la prima cosa che fanno è riempirci di complimenti. Non avete idea di cosa ho sentito da quando ho iniziato a scrivere questo blog: «Vale, ma che scrittura brillante. Vale, i tuoi post sono meravigliosi. Vale, secondo me dovresti scrivere un libro. Vale, ma perchè non li mandi a un editore?».
Poi. Poi scrivi di loro, velatamente. E da intelligente e sveglia...diventi una stronza di categoria. E cosa fanno i nostri cuor di leone? Mica vengono da me a fare le loro obiezioni. Parlano per interposta persona. Stracciano le balle alla mia gemella, che quotidianamente riceve lamentele su quello che ho scritto e, buon'anima, mi fa da avvocato difensore, accontentandosi come parcella del cocktail analcolico che le offro quando ci vediamo e delle nostre chiacchiere notturne.
Loro intanto si danno man forte l'uno con l'altro, pronti a istituire il comitato «UMCNBDV». Ovvero: uomini miserandi citati nel blog della Volponi.
Gregari, insomma, che vanno in scia, invece di guidare il gruppo.
Lasciate che vi tolga anche l'ultima illusione: nessuno vi passerà la borraccia, come fece Coppi con Bartali. Quelli sì, che erano uomini.

Correlati