Mister Right

14 Settembre Set 2012 1000 14 settembre 2012

Baci rubati

  • ...

Baci rubati. Senza esagerare, please.



Siamo ancora delle inguaribili romantiche o ormai ci siamo talmente rassegnate a fare paura agli uomini, a essere percepite come delle panterone che se li mangiano, a recitare la parte di quelle che devono prendere l'iniziativa se no quelli non si svegliano più...che abbiamo optato per l'opzione «ribaltaci sul tavolo, basta che non lo sfrisi, che ci ho appena passato il Pronto»? Diamo forse l'impressione di essere personcine con cui ci vuole l'approccio diretto, senza fronzoli?

Comincio a temere di si. Perchè uso il termine temere? Perchè come sempre, i marziani non conoscono le mezze misure. E invece di dosare un po' di sana passionalità trasudante con la bellezza di un approccio tenero ed elegante...bam, vanno avanti come i caterpillar. E noi, poverette, finiamo regolarmente sotto lo schiacciasassi degli approcci improbabili.

NUDI ALLA META. Uomo sposato, vive tra l'Italia e l'Inghilterra, posizione dirigenziale di altissimo livello. Punta la più carina dell'ufficio. Che è felicemente fidanzata. La butta subito in poesia: «Senti, se una sera vuoi divertirti, ti porto fuori a cena». Annoiata da un compagno che, per quanto amorevole, sta facendo l'errore di proporre sempre lo stesso film...lei comincia a cascarci. Si fa stuzzicare dal giochino. Cerca conforto nelle amiche: «Non è che se ci esco a cena tradisco il mio fidanzato, no? In fondo cosa c'è di male?». E la cena diventa realtà. Lui la riaccompagna a casa. E lungo il tragitto se ne esce con un: «Faccio una deviazione per il motel?». Lei inorridisce e replica che forse c'è stato un equivoco. E si sente rispondere: «Oh, ascolta, ma per cosa credevi che ti avessi portato fuori? Per il piacere della tua compagnia?».
Ah no? Consiglio a uomini del genere di andarci da soli, al motel. Nella suite Laguna Blu c'è la promo: due film hard a 16 euro invece di 20. Perchè va bene il gusto del proibito, va bene che non puoi dire di aver conosciuto il sesso se non sei stata almeno una volta al Motel K...ma così è un filino, come dire, troppo esplicito. Lasciateci almeno l'illusione del secondo appuntamento.

QUESTIONE DI F. Che ahimè, non è affatto un riferimento alla canzone di Cocciante. Altro quarantenne, designer, anche lui ammogliato. In questo caso con figli. Non bello, ma piacente. Baccagliatore di professione. Punta la sottoscritta da un po'. Si chiacchiera di un evento futuro, al quale ci incontreremo. E mentre io mi diletto nell'arte del flirt, lui se ne esce con un decisamente poco prosaico: «Oh, ma quella sera ci sarà un sacco di figa, vero?».
Ora. Già non sei bello. Già sei sposato. Già hai due figli. Già mi stai baccagliando. Anche le battute da 14enne con la tirella no....
Non sei più in lista, mio caro.

TAXIIIII....E infine. Incontro casuale con un potenziale partner lavorativo. Carino. Molto carino. Mi accompagna in giro per cantieri a cercare casa. Sotto uno dei sempre più frequenti uragani milanesi, mi costringe a camminare su ponteggi, tramezzi, impalcature, sospesa a 5 piani da terra. Meno male che non ho i tacchi e non soffro di vertigini. Un'ottima scusa per farmi prendere per mano. Poi piove, tantissimo. E io ho l'ombrello. Lui no. Altra ottima scusa per starsene a braccetto alla ricerca di un taxi. Lui fa il piacione, ma con stile. Arriva persino a blandirmi dandomi della ventottenne.
Il taxi si ferma alla sua destinazione. Prima di scendere si sporge verso di me e mi stampa un bel bacio sulla bocca. Wow. Io ci resto di sale. Il tassista ride. Io pure.
Mando sms in tempo zero alle amiche. Risposta: «Ma questo è fuori. Però, c'è da dire che essendo napoletano...è un uomo passionale. Ci piace. Niente mammolette».
Diciamo che gli si potrebbe dare una seconda chance. Ma solo ed esclusivamente per via della romantica passeggiata sui ponteggi, mica per il bacio rubato. Sia chiaro.

Correlati