Nimby

2 Aprile Apr 2016 0137 02 aprile 2016

Cinque, piccoli consigli (non richiesti) se volete battere Renzi

  • ...

Non vedete l'ora di battere Matteo Renzi e mandarlo a casa? Allora ve lo dico subito: con le tecniche che avete messo in campo finora non ci riuscirete mai. Ma metterlo ko è possibile, non disparate: vi do qualche consiglio (gratis e non richiesto).
1) Renzi ha costruito la sua carriera politica per gradi, scalandoli velocemente, ma senza saltare mai u passaggio. Giovane militante, segretario provinciale, presidente della Provincia, sindaco, segretario, premier. Lui viene dal basso: contrapporgli uno o una che al massimo ha fatto il/la parlamentare (nazionale o europeo che sia) non può che dargli un vantaggio strepitoso: "professionista della politica sfida ex sindaco", questo sarebbe il titolo. Se vi suona male, allora siete sulla buona strada. In caso contrario, buona schiantata.
2) Non sfidatelo mai. In generale, dico, ma in particolare sui programmi o cronoprogrammi. Perché le raccoglie tutte, poi però ha il cinismo, la tenacia e la costanza e le capacità mediatiche di fare pressing asfissiante sull'avversario fino a quando questo non cede. Per informazioni o conferme chiedere ai "rottamati" (Rutelli, Dominici, Bersani, Letta, etc...).
3) Renzi ha scalato il successo perché ha proposto una visione nuova di politica, infiocchettando quella vecchia in un polveroso archivio. Vogliate o non vogliate, il ragazzo ha dimostrato di fare sul serio. Se pensate di prenderlo alle spalle con la vecchia politica, quella dello sfascismo, siete già morti: lui ha linguaggio positivo, butta palla avanti sulle cose da fare e si fa inseguire. Badate bene: andare in volata verso la porta, non significa automaticamente segnare il gol (ricordate sempre cos'è successo a Bersani nel 2011, 2012 e 2013), ma dare l'impressione di poter mettere la palla in rete è quasi più importante di realizzarla.
4) Studiate delle proposte intelligenti, innovative, sorprendenti. Qualcosa che scavalchi Renzi a destra e a sinistra. Lui tirò fuori la Flexisicurity nel 2012 e il Jobs Act nel 2013, oltre alla riforma della Costituzione e altri 100 punti di programma. Voi quanti ne avete? E sono altrettanto validi e spendibili?
5) Il quarto punto ci porta dritti dritti a quello successivo: la squadra. È fondamentale circondarsi di persone valide, poco conosciute, con idee innovative e dunque non prese in considerazione dalla "vecchia" politica, ma soprattutto "ponte a gettarsi nel fuoco" per il leader. Ovviamente vanno gratificate, coccolate e valorizzate sempre e in ogni modo, mai mostrare sciocca superiorità, sarebbe il modo più facile per farli allontanare o peggio ancora indurli a "tradire". Che sia chiaro: una volta arrivati al potere, i migliori della squadra vanno premiati, altrimenti il castello crolla.
Riepilogando, per battere Renzi servono: esperienza dal basso, mentalità aperta e innovativa, nessuna scoria residua dal passato, idee inedite ma che abbiamo una base minima di credibilità e realizzabilità, una squadra valida e fedele e magari anche qualche capacità comunicativa supportata da una base culturale apprezzabile. Astenersi professionisti della politica da sempre con le terga sullo scranno parlamentare: troppa puzza sotto al naso per sconfiggere "Matteo il ragazzo di provincia".
E poi, semmai aveste deciso di sfidare Renzi, e di batterlo, non guasterebbe un po' di preparazione, onestà e capacità da leader. Se pensate di avere queste caratteristiche, non dimenticate i miei consigli e buona fortuna. Se credete di non averle tutte, invece, continuate a fare come sempre: abbaiare alla luna sperando che caschi in testa all'avversario e lo levi da mezzo. Almeno sono 20 anni di scranni e stipendi assicurati...