Nimby

11 Giugno Giu 2016 0854 11 giugno 2016

Posca: Rinnovi ordinistici, stop alla via giudiziaria

  • ...

ROMA - A distanza di pochi anni, nell’imminenza delle assise elettorali di categoria, a causa dei ricorsi di alcuni ordini locali ci accingiamo a una nuova battaglia a colpi di carta bollata. Non paghi dei disastri che le lacerazioni interne hanno provocato e del lungo commissariamento.
Lo ha detto Domenico Posca, presidente nazionale di Un.i.co. (Unione Italiana Commercialisti).
Cui prodest ? Certamente non all’autorevolezza e alla credibilità dei commercialisti italiani e delle loro rappresentanze ordinistiche e associative. Chi si ricorda solo oggi - ha aggiunto Posca - del mutato riassetto territoriale iniziato nel 2013, non è convincente. Le ragioni che hanno spinto qualche ordine a rivolgersi all’autorità giudiziaria sono singolari e inappropriate. A poco valgono i generici richiami alle presunte violazioni di precetti costituzionali contenute nelle norme ovvero ad ancor più vaghi doveri morali. Le ragioni dei ricorrenti sono squisitamente politiche. Che sia quindi la politica a farsene carico, abbandonando immediatamente una via giudiziaria il cui esito vedrà tutti sconfitti. Vincitori e vinti. Anche noi non abbiamo condiviso il senso di certe scelte ministeriali, come quella sullo sdoppiamento del limite di mandati. Anche noi siamo convinti che l’ordinamento professionale vada completamente riscritto e che occorrano progetti strategici per il futuro della categoria. Al tempo stesso siamo consapevoli che solo facendo prevalere il senso di responsabilità si potrà andare rapidamente al rinnovo degli ordini locali e del consiglio nazionale e mettere mano alle auspicate riforme. Con più liste unitarie possibili, affinché i consigli eletti possano avere piena legittimazione.
L’Unione Italiana Commercialisti lancia un appello - ha concluso Posca - affinché i ricorrenti ci ripensino, rinunciando alle iniziative intraprese e si dichiara pronta a sostenere le istanze degli iscritti appartenenti agli ordini interessati dal riassetto".