Nimby

2 Ottobre Ott 2017 2105 02 ottobre 2017

Cinema, dopo gli applausi di Venezia “Nato a Casal di Principe” sbarca il 3/10 a Montecitorio

  • ...

Dopo il successo all'ultimo Festival in Laguna, la pellicola di Bruno Oliviero, distribuita da Merlino, sbarca nei palazzi della politica: è tratto dal libro dell'attore Amedeo Letizia che racconta la scomparsa del fratello minore, Paolo, negli anni Ottanta

“Nato a Casal di Principe”, dopo le splendide recensioni ricevute alla 74esima edizione del Festival del Cinema di Venezia, verrà proiettato martedì 3 ottobre, alle ore 17, anche nell'Aula dei Gruppi parlamentari della Camera dei deputati.

L'evento, promosso e fortemente volute dal parlamentare Luca D'Alessandro, membro della commissione Giustizia di Montecitorio e della commissione di Vigilanza sulla Rai, sarà moderato dalla giornalista del Tg1, Susanna Petruni, e vedrà i saluti del sottosegretario alla Giustizia, Gennaro Migliore, e del presidente della commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti.

Il film diretto da Bruno Oliviero uscirà il 6 dicembre nelle sale, grazie alla Merlino distribuzione, e vede nel ruolo di protagonista Alessio Lapice, mentre nella dei genitori ci sono gli esperti e apprezzati Donatella Finocchiaro e Massimiliano Gallo.

La pellicola è una co-produzione italo-spagnola CineMusa SRL - NeoArt Producciones Sl, ed è stata realizzata grazie all'utilizzo del credito d'imposta previsto dalla legge 24 Dicembre 2007 n. 244 ai sensi delle norme del tax credit; in associazione con Focchi S.p.A., ai sensi delle norme sul tax credit. Con il contributo della Regione Campania, la collaborazione della Fondazione Campania Film Commission, Cinecittà World, Camelot, Regione Lazio, Roma Lazio Film Commission, Unilever.

LA TRAMA

Amedeo Letizia è un ragazzo di vent’anni che sul finire degli anni ’80 si è trasferito a Roma da Casal di Principe per inseguire la carriera di attore. Sta appena iniziando a muovere i primi passi, tra un fotoromanzo e un ruolo sul piccolo schermo in una delle fiction più famose di quegli anni “I Ragazzi del muretto”, quando il fratello minore, Paolo, viene rapito da alcuni uomini incappucciati che ne fanno perdere le tracce. Amedeo torna nel suo paese d'origine, ma sin da subito questo viaggio si rivela una discesa agli inferi del suo passato e nelle contraddizioni della sua terra.

Poiché l'inchiesta condotta dai carabinieri si dimostra inefficace, si decide a intraprendere una sua personale ricerca, lo fa armato di un fucile e con l'aiuto del cugino Marco, un ragazzino di 17 anni. I dettagli della scomparsa affiorano via via nel corso della vicenda ,che vede Amedeo aggirarsi per quel territorio che va dalle campagne al mare, passando per i laghi, all'affannosa ricerca di suo fratello. Insieme a Marco setaccia la zona senza sapere se cercare un cadavere o un luogo dove Paolo è tenuto prigioniero…

FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA

Il film “Nato a Casal di Principe”, di Bruno Oliviero, è stato presentato all'ultima Mostra del Cinema di Venezia. Tratto dall'omonimo libro in cui nel 2012 Amedeo Letizia, attore e produttore originario di Casal di Principe, racconta la storia del fratello Paolo, rapito alla fine degli anni '80 in circostanze misteriose e mai più tornato a casa. Il film inizia proprio dalla storia di Amedeo, che negli anni'80 si trasferisce a Roma dove diventa un promettente attore. Nel 1989 la scomparsa del fratello Paolo lo costringe a tornare a Casal di Principe, sua città natale, dove scoprirà che dietro il rapimento c'è una vera e propria organizzazione criminale che agisce indisturbata nella totale indifferenza delle autorità.

Deciso a fare chiarezza sulle sorti del fratello, Amedeo si decide a intraprendere una sua personale indagine e, armato di fucile e con l’aiuto del cugino Marco, setaccia tutta la zona senza sapere dove cercare Paolo e, soprattutto, sperando di non trovare un cadavere su cui piangere. Inizia così un viaggio che lo riporta al suo passato e a un presente dove vige la legge dell’omertà, tra guerre di camorra e lotte in cui i ragazzi diventano da subito adulti in una realtà più grande di loro.

A vestire i panni di Amedeo è il giovane ed emergente Alessio Lapice (“Gomorra 2 La Serie” e Romolo del prossimo film di Matteo Rovere “Romolo e Remo” insieme Alessandro Borghi), mentre Massimiliano Gallo e Donatella Finocchiaro interpretano i genitori di Amedeo e Paolo Letizia.

Correlati