Nomos e Caos

29 Marzo Mar 2015 0309 29 marzo 2015

La 'NCO' trasloca a Casal di Principe

  • ...

A Casal di Principe ‘NCO’ non è più acronimo di ‘Nuova Camorra Organizzata’ ma di ‘Nuova Cucina Organizzata’.

Nella sede del Centro don Milani e del Consorzio NCO - Nuova Cooperazione Organizzata, bene confiscato alla camorra, è stata inaugurata la nuova sede del ristorante sociale ‘NCO’. Una rivincita di civiltà e giustizia, nel comune che il mondo sembra ricordare solo ed esclusivamente come la ‘capitale della camorra’.

Ma la storia del ristorante sociale non è iniziata venerdì.

Per la ‘Nuova Cucina Organizzata’ il bene confiscato di Casal di Principe è il grande punto d’arrivo, dopo anni di attività nel piccolo locale di San Cipriano d’Aversa.

A rendere ‘NCO’ diversa dagli altri ristoranti non è stato solo l’utilizzo di prodotti alimentari provenienti dalle terre confiscate alle mafie, ma la presenza di persone svantaggiate che attraverso il lavoro riconquistano la fiducia in loro stessi. Proprio lì a San Cipriano, un paio di settimane fa ho avuto la fortuna di pranzare durante il viaggio dell’Università Itinerante, ‘In terra di Gomorra dopo Gomorra’. E ad avermi colpito più di tutto è stato il racconto di uno dei gestori: «All’inizio gli abitanti del quartiere facevano fatica ad accettare che persone con disagi di diverso tipo lavorassero sotto casa loro. Proprio quelli che più si lamentavano oggi sono anche quelli che più aiutano i lavoratori a integrarsi».

Oggi però per la ‘NCO’ è arrivato il grande momento (che a San Cipriano ci era stato anticipato). Non è più solo una cucina in cui si preparano piatti con i prodotti provenienti dalle aziende che lavorano nei beni confiscati alla criminalità camorristica, ma un centro di specialità agro-alimentari campane che sorge su una terra che per anni è stata simbolo della ricchezza e del potere mafioso.

//it.celebrity.yahoo.com/foto/laura-boldrini-inaugura-centro-don-slideshow/laura-boldrini-inaugura-centro-don-milani-casal-principe-photo-160103180.html

Non stupisce che la presidentessa della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, grande ospite dell’inaugurazione di venerdì, abbia assaporato con gusto le pietanze del ristorante.

Alla ‘NCO’, tra la semplicità dei pomodori freschissimi, delle melanzane e della mozzarella di bufala, a fine pranzo il piatto rimane vuoto per forza!