Pagine Sparse

5 Novembre Nov 2012 1817 05 novembre 2012

Il decalogo del lettore

  • ...


  1. Il diritto di non leggere;

  2. Il diritto di saltare le pagine;

  3. Il diritto di non finire il libro;

  4. Il diritto di rileggere;

  5. Il diritto di leggere qualsiasi cosa;

  6. Il diritto al bovarismo;

  7. Il diritto di leggere ovunque;

  8. Il diritto di spizzicare;

  9. Il diritto di leggere ad alta voce;

  10. Il diritto di tacere;


Tratto da "Come un romanzo" di Daniel Pennac.





Ne aggiungo uno io:

11. Il diritto di annusare le pagine.

L'odore dei libri. Potrebbe essere il titolo di una canzone, allo stile de l'odore del sesso di Ligabue. Sfogliare un libro, aprire una pagina a caso e annusarla, sentire il profumo della carta stampata, del libro nuovo e immacolato. Una libidine. Ma c'è odore e odore. Quello plastificato dei manuali scolastici che è cattivo, sembra preannunciare la noiosità di quello che si dovrà affrontare leggendolo, quello gustoso che sa proprio di carta, magari di quella reciclata che quando sfogli le pagine del libro senti anche il "cric cric" dei fogli sottili, quello dei libri vecchi che trovi negli scaffali della casa della nonna, quello semplicemente anonimo che non ti dice nulla. Ogni libro, ogni casa editrice ha un suo odore. Il migliore per me? gli Oscar Mondadori, perfetta consistenza della carta, perfetto colore, perfetto profumo.





Correlati