Papà 24/7

19 Marzo Mar 2013 1819 19 marzo 2013

Contagiosi auguri ai papà

  • ...

Mi fanno giustamente notare che nel giorno della festa del papà un blog di un papà che non parla della festa del papà, che ci sta a fare? Allora recupero in extremis, provando a giustificarmi. Venerdì scorso mia figlia "grande" di 5 anni ha preso l'ultima coda di influenza, la febbre è salita a 39 per tre giorni, ora ha "solo" una tosse inquietante. Sabato l'influenza l'ha presa anche mia moglie, la febbre è salita a 39 e si è chiusa in camera per tre giorni (la moglie). Domenica pomeriggio il "medio" si è svegliato con febbre a 38 e ora ha una tosse da incubo. Lunedì la piccola di un anno era calda, e la febbre è salita ovviamente a 39, con una gran tosse. Sono rimasto a casa a curare 4 infermi per tre giorni, e lunedì notte ho perso il conto di quanti letti ho cambiato per dormire con qualcuno in stato di bisogno, di quanti latti con miele ho scaldato, di quanto pavimento ho calpestato.
Morale. Questa mattina, 19 marzo, festa del papà, mi sono svegliato con 38 di febbre, ho provato comunque ad andare a lavorare, ma ho dovuto desistere e rientrare in quell'allegro nosocomio che è ormai la mia casa. È la terza influenza dell'anno che faccio, causa risvegli notturni, e virus e batteri di ogni genere che hanno deciso di albergare stabilmente con noi tra queste mura.
Bene, il pensierino per la festa del papà è il seguente: non c'era modo migliore per festeggiare, considerato quello che ricorda anche un bravo blogger di questa rete piena di gente ma in fondo landa desolata: l'amore è sacrificio di sé. E io oggi mi sento di amare ed essere amato.
(Poi ai single, cioè a coloro i quali vivono gloriosamente come io stesso ho vissuto per 40 lunghi, solitari ed edonistici anni, mi permetto un consiglio: se pensi che i figli siano un diritto, e non un dono ricevuto o una grazia, non ce la fai. Pensateci bene. Però pensateci).
Un contagioso abbraccio a tutti i papà

Correlati