Papà 24/7

12 Marzo Mar 2015 2202 12 marzo 2015

Il primo passeggino non si scorda mai

  • ...

L’altro giorno ho svuotato la cantina. O meglio, una parte della piccola cantina. Quella dove si trovavano accumulati una serie di oggetti legati alla prima infanzia dei bambini. Nell’ammasso, due passeggini. Avrei voluto riciclarli, il problema è che oggi quasi nessuno vuole passeggini usati per i propri figli. Molti comprano una macchina di seconda mano, una moto o una bicicletta usata. Ma il passeggino no. Chissà perché. Forse si pensa che un passeggino usato contenga germi di ogni tipo, tracce di sporco immondo e contagioso. E poi possiamo anche vestirci male o avere auto o case impresentabili, ma mostrare nostro figlio appena nato su un supporto a rotelle consunto è cosa che fa vergognare. In genere all'arrivo di un secondo figlio questa menata passa, al terzo non esiste più. Sta di fatto che i passeggini ho dovuto portarli in discarica. In effetti erano un po’ malconci, avendo portato tre bambini, anche se per poco tempo ciascuno: dopo i due anni ho sempre preferito far camminare i miei figli, o farli sgambettare sui velocipedi. E’ uno sforzo che paga.

Insomma, ho caricato i passeggini in auto per rottamarli. Il Renzi dei passeggini. Arrivato al deposito mi sono diretto al cassone dei rifiuti “vari”, ho aperto il baule e… via uno, via l’altro. I passeggini sono finiti su una pila di materassi, reti, mobiletti, scarpiere e cianfrusaglie varie. Li ho guardati, e mi sono fermato. Uno verde pistacchio, uno arancione e leggero, ribaltati di traverso, con le ruote in aria. In un istante, il brivido di otto anni di vita da papà, dal ricordo del giorno della scelta del primo passeggino per la prima figlia alle camminate verso l’asilo sotto il diluvio e io a spingere i due bambini impacchettati sotto la plastica trasparente, poi le imprecazioni quando il passeggino non si chiudeva, le lotte fisiche per “piegare” la più piccola a sedersi e farsi legare.

Sì, ci si può emozionare per un passeggino in discarica. Se ne spingerò mai un altro, sarò nonno.

Correlati