Piano sequenza

6 Maggio Mag 2015 1022 06 maggio 2015

Cent'anni di Orson Welles

  • ...

Può un blog, benché misero e il più delle volte inutile, che porta tal titolo non ricordare, seppur di fretta, il gigante per eccellenza della settima arte? Perché se il punto più alto della carriera di Orson Welles, ricordato oggi in tutto il mondo per il centesimo anniversario della sua nascita, è indiscutibilmente quel Citizen Kane girato poco più che venticinquenne che sconvolse l'universo cinematografico in piena seconda guerra mondiale, è per il piano sequenza iniziale di Touch of Evil, vero orgasmo cinematografico che potete reperire anche su YouTube, che questo blog per feticisti del long-take non può esimersi dal ricordarlo.

Edward D. Wood Jr. (Johnny Depp): Pensa che mi impongono i loro amici come protagonisti senza chiedersi se siano giusti per la parte…
Orson Wells (Vincent D'Onofrio): Ah, non me ne parli! Presto dovrò girare un giallo per la Universal, ma vogliono che Charlton Heston impersoni un messicano.
(Ed Wood, Tim Burton, 1994)

D'accordo, ricordare Orson Welles per il lunghissimo piano sequenza con il quale racconta l'antefatto e i personaggi principali di quello che non è nemmeno ricordato come il suo capolavoro, è un po' come ricordare Fellini o Bergman solamente per qualche leziosismo stilistico all'interno di pellicole che hanno marchiato a fuoco un’epoca (non solo) cinematografica: doveroso, ma estremamente riduttivo. Ma di ritratti, scritti tra l'altro in modo nettamente migliore di quanto non possa fare io e con molto più tempo e voglia, oggi ne è pieno il web ed è praticamente impossibile non incrociarne uno nemmeno di striscio.