Piano sequenza

7 Novembre Nov 2016 1855 07 novembre 2016

Le gioie del giovane Conor

  • ...

D'accordo, già da un pezzo abbiamo riscoperto (o meglio: rivalutato) gli Anni '80 e non serviva di certo l'ennessimo film a ricordarci, soprattutto a noi millennials, di quanto fossero fighi. Ma Sing Street, l'ultimo travolgente film di John Carney, nelle sale italiane dal 9 novembre, è tutto tranne che un film nostalgico. Ambientato in una Dublino mai così lontana dall'Inghilterra racconta l’adolescenza di Conor, tra la crisi economica che lo costringe ad abbandonare la scuola privata per la pubSing Streetblica e il progressivo disgregarsi della famiglia. E se divorziare nella cattolicissima Irlanda è impossibile, nessuno vieta al timido Conor di innamorarsi di Raphina e di formare una band per rimorchiarla.

Il film rimane credibile fino agli ultimi cinque minuti, ma ormai hai già riso abbastanza perché te ne freghi qualcosa. Emozioni autentiche in una confezione semplice, seppur costruita con uno stile e un ritmo che vorresti tornare alle medie e tentare la strada della musica per conquistare la biondina del primo banco nonostante tu non sappia prendere in mano una chitarra e con le bacchette a malapena potresti mangiare cibo cinese.

Il cast è di una bravura fuori dall'ordinario e ti meravigli di quanto sia strano dover aspettare un film interpretato da ragazzini per poter assistere a tale livello recitativo in una commedia. Rivelazione.

Correlati